Chelsea tifosi cda
(Foto: Mike Egerton, via Onefootball)

Attraverso un comunicato ufficiale, il Chelsea ha annunciato che a partire dal 1° luglio prossimo saranno ammessi i tifosi alle riunioni del consiglio di amministrazione del club. Si tratta di una svolta importante per il club inglese, che arriva dopo le polemiche legate al caos Superlega, con tanto di proteste da parte dei sostenitori dei Blues.

Tre “supporter advisor”, selezionati attraverso un iter con elezioni e selezioni, parteciperanno alle riunioni del cda per garantire che lo stato d’animo dei tifosi venga considerato come parte del processo decisionale del club londinese.

La società ora si consulterà con il Fans’ Forum e diversi gruppi di sostenitori non ufficiali per discutere il processo proposto dal club per la scelta dei tre supporter advisor. I criteri per le candidature e la selezione finale garantiranno che la presenza dei sostenitori sia rappresentativa della fan base generale, inclusiva e diversificata.

Una nuova selezione verrà effettuata prima dell’inizio di ogni stagione. Ai candidati prescelti sarà richiesto di stipulare un accordo di riservatezza, simile per portata agli obblighi di riservatezza di un membro del cda del Chelsea. Ciò consentirà al club di discutere e chiedere consigli su un’ampia gamma di questioni.

I supporter advisor non avranno diritto di voto e non parteciperanno ad alcuna riunione relativa a giocatori, staff, Academy e questioni connesse. I supporter advisor parteciperanno a circa quattro riunioni all’anno, e anche di più se appropriato. Nel caso in cui l’annata venga portata a termine con successo avranno diritto a scegliere un ente benefico in UK al quale il club devolverà 2.500 sterline.

GUARDA CHELSEA-REAL MADRID IN STREAMING SU NOW. CLICCA QUI E SCOPRI L’OFFERTA GIUSTA PER TE