Marotta Suning
Giuseppe Marotta (copyright: Daniele Buffa/via Onefootball)

Nonostante i festeggiamenti per il 19° Scudetto siano appena cominciati, la dirigenza dell’Inter deve già pensare al futuro e alla prossima stagione, la cui programmazione è fondamentale per permettere al ciclo nerazzurro di prendere il via. Intervistato all’interno del programma Radio Anch’io lo Sport, l’ad nerazzurro Giuseppe Marotta ha fatto il punto della situazione, tra squadra e scelte societarie.

Innanzitutto, Marotta parla del futuro: «Sappiamo che siamo in un momento molto difficile, c’è una contrazione nei ricavi e questo incide sui grandi club. La potenza sul mercato sarà ridotta. Bisognerà fare dei confronti, nel nostro e in altri club. Da un parte, si fa il consuntivo di fine stagione, dall’altra bisogna ragionare su costi certi e ricavi incerti. Il quadro è questo, ascolteremo Conte e le linee guida della proprietà, ma c’è un giusto e sano ottimismo».

Il dirigente affronta poi le questioni societarie: «La proprietà sta lavorando per il bene dell’Inter. L’obiettivo è arrivare a un accordo con un partner per far confluire la liquidità che serve in questo momento. C’è grande ottimismo ma non possiamo dimenticare che la proprietà ha profuso circa 700 milioni in questi anni. Meritano grande rispetto da questo punto di vista. Poi le difficoltà che hanno le grandi aziende porta a fare considerazioni un po’ diverse rispetto al passato recente, che era più positivo».

Marotta conclude poi elogiando l’impatto di Conte sulla squadra, dichiarando che non esiste un piano B alternativo all’allenatore pugliese: «C’è grandissimo feeling tra lui, la società, la squadra e i tifosi. Sono ingredienti importanti per crescere e toglierci delle soddisfazioni».

GUARDA IL GRANDE SPORT DI SKY IN STREAMING SU NOW. CLICCA QUI E SCOPRI L’OFFERTA GIUSTA PER TE