La piattaforma di sport in streaming Dazn ha messo le mani sulla Serie A per le prossime tre stagioni. Con un’offerta superiore alle aspettative dei club, l’emittente è riuscita ad aggiudicarsi la trasmissione di tutte le gare del massimo campionato italiano di calcio.

Sono serviti 840 milioni di euro annui per convincere i club ad assegnare gli incontri a Dazn, che trasmetterà nello specifico sette partite a giornata in esclusiva e altre tre gare in co-esclusiva (il tanto discusso pacchetto 2, che deve ancora essere assegnato dopo il “no” all’offerta di Sky).

Si tratta di un investimento corposo per Dazn, che dovrà sostituire proprio Sky come player principale della Serie A puntando non solo sul supporto di Tim ma anche su una crescita degli abbonati.

James Rushton, ceo di Dazn, ha sottolineato in un’intervista a Reuters che non ci sarà bisogno di «cambiare drasticamente il numero di abbonati al calcio in Italia per far fruttare l’investimento sulla Serie A».

Attualmente non sono noti i numeri precisi degli abbonati Dazn in Italia, ma tra Sky e Dazn i clienti nel nostro Paese si aggirano tra 3,5 e i 4 milioni. Secondo una rilevazione di EY, a gennaio 2021 gli abbonamenti attivi alle piattaforme OTT pay (Netflix, Timvision, Infinity, NOW TV, Disney+, Amazon Prime Video, Eurosport Player, DAZN, Disney+, ecc.) erano pari a 11 milioni, con 16 milioni di utenti (data la possibilità di condividere gli abbonamenti in alcuni casi).

GUARDA INTER-CAGLIARI IN ESCLUSIVA SU DAZN: ATTIVA QUI IL TUO ABBONAMENTO