ECA strategia calcio femminile
(Copyright: Domenico Cippitelli)

L’ECA (European Club Association) ha annunciato la pubblicazione della sua prima strategia per il calcio femminile, dal titolo “Be a Changemaker”. Il progetto mira ad aiutare i club verso un domani migliore per il calcio femminile attraverso azioni creative per fornire un cambiamento positivo duraturo.

«L’uguaglianza di genere su vasta scala nel calcio è un obiettivo ambizioso, ma noi lo sosteniamo. I club hanno l’opportunità di guidarlo. Hanno molto più in comune tra loro fuori dal campo di quanto non abbiano rivalità in campo e comprendono le esigenze, le sfide e le soluzioni meglio di chiunque altro», ha affermato Charlie Marshall, ceo dell’ECA.

«Questo è il motivo per cui dobbiamo lavorare come un collettivo, dall’alto verso il basso, per essere i responsabili del cambiamento necessari per consentire al calcio femminile di crescere in modo sostenibile, di svilupparsi e, in ultima analisi, di prosperare», ha aggiunto.

Nello specifico, la strategia “Be a Changemaker” ha piani ambiziosi che saranno raggiunti attraverso l’implementazione di sei obiettivi strategici:

  • Migliorare i percorsi delle calciatrici dei club per fornire un futuro prospero e sostenibile al gioco;
  • Accelerare la professionalizzazione, consentendo ai club di raggiungere, mantenere e superare gli standard minimi;
  • Promuovere lo sviluppo economico del calcio femminile e identificare nuove opportunità commerciali;
  • Accrescere le opportunità per i club di realizzare le ambizioni europee attraverso lo sviluppo del panorama delle competizioni;
  • Facilitare la creazione di successo di nuove squadre di calcio femminili in Europa;
  • Produrre studi di ricerca “primi nel loro genere” che diventino un punto di riferimento per il calcio femminile a livello globale.

La strategia “Be a Changemaker” dell’ECA è stata sviluppata con l’obiettivo di creare un ecosistema calcistico femminile di vasta portata, robusto e influente che mostri un chiaro percorso verso il raggiungimento dello stesso livello di professionalizzazione del calcio maschile.

Jean-Michel Aulas, presidente dell’Olympique Lione, membro del consiglio esecutivo dell’ECA e presidente del comitato calcistico femminile dell’ECA, ha commentato: «Sono stato in gioco abbastanza a lungo da comprendere appieno le disuguaglianze esistenti e la mia capacità di fare qualcosa al riguardo. Sono quindi orgoglioso, in qualità di presidente del Comitato calcistico femminile dell’ECA, di sostenere l’attuazione delle nuove e audaci iniziative dell’ECA. Grazie alla strategia “Be A Changemaker” di ECA, sono fiducioso che il calcio femminile per club in Europa possa superare tutte le nostre aspettative».

Claire Bloomfield, Head of Women’s Football dell’ECA, ha aggiunto: «Facciamo parte di un movimento in crescita impegnato a fare la differenza nel calcio femminile. Ma non si può delegare il cambiamento, bisogna guidarlo, e all’ECA, insieme ai nostri club membri, questo è esattamente ciò che intendiamo fare».

Il lancio di questa strategia precede anche il lancio della UEFA Women’s Champions League nel suo nuovo formato a partire dalla stagione 2021/22, con un accordo centralizzato di marketing e TV, un entusiasmante progetto di riforme in cui l’ECA ha lavorato a stretto contatto con la UEFA per tutto il tempo.