Diritti Tv tutela consumatori
(foto Insidefoto.com)

Niente più Espn, la Serie A negli Usa si vedrà sui canali della CBS. Nel corso dell’odierna assemblea di Lega, infatti, dopo le trattative private è arrivato il via libera all’offerta proveniente dal gruppo ViacomCBS (che possiede anche MTV, Paramount Pictures e Nickelodeon).

Nel precedente triennio, infatti, il campionato italiano era stato trasmesso integralmente negli Stati Uniti da Disney tramite il canale Espn: la CBS ha messo sul piatto tuttavia una offerta da 55 milioni nel primo a salire per chiudere intorno ai 58, ottenendo così i diritti tv per mandare in onda tutte le gare della Serie A per complessivi circa 170 milioni. A cui andranno aggiunti anche i diritti tv per la Coppa Italia, per circa 6 milioni annui (18 milioni nel triennio), per un totale che supera così i 180 milioni complessivi. Cifre in rialzo rispetto al triennio rispetto al precedente triennio, quando a trasmettere la Serie A era stata appunto Espn.

Proseguiranno invece le trattative per quanto riguarda gli altri territori. Inizialmente, alla Lega erano arrivate 49 offerte, di cui 35 da broadcaster e 14 da intermediari: tra gli offerenti anche Infront, Img, Aser (fondo di proprietà di Andrea Radrizzani, patron del Leeds), Mediapro e Kosmos, società fondata dal difensore del Barcellona Piqué.

Nei prossimi giorni dovrebbero arrivare tuttavia altre novità, con la Lega che potrebbe chiudere altri accordi per trasmettere la Serie A all’estero.

8 COMMENTI