Inter nuovo stadio
Foto Andrea Staccioli / Insidefoto

Lo spostamento delle elezioni comunali a ottobre 2021 non dovrebbe sbloccare l’iter per il progetto del nuovo San Siro. Lo scrive Tuttosport, spiegando che la maggioranza delle forze politiche di Palazzo Marino vorrebbe lasciare il dossier nelle mani del prossimo sindaco.

La questione dell’abbattimento di San Siro e della costruzione di un nuovo impianto è delicata, e a spingere verso una pausa – nonostante le elezioni non si tengano più in primavera – è il possibile cambio di proprietà dell’Inter, con Suning che potrebbe cedere la società.

Palazzo Marino sostiene che si procederà solamente quando la situazione sarà chiarita, anche perché secondo indiscrezioni, qualora la famiglia Zhang cedesse il controllo del club non è scontato che la nuova proprietà approvi l’idea di uno stadio condiviso con il Milan.

Secondo il quotidiano, nei corridoi della sede nerazzurra circola l’ipotesi secondo la quale se Suning saluterà Milano, verrà rivisto il progetto di uno stadio con i cugini rossoneri. Attualmente Suning rimane in sella (e il progetto stadio resta valido), ma quasi sicuramente la situazione non verrà sbloccata prima delle elezioni di ottobre.

1 COMMENTO