Manchester United cessione
L'Old Trafford, casa del Manchester United (foto by Xinhua/Imago Images)

La Champions League spinge i conti del Manchester United nel primo semestre, ma la chiusura degli stadi incide su ricavi e utile. Il club inglese, ha chiuso i primi sei mesi dell’esercizio 2020/21 infatti con fatturato e risultato netto in calo rispetto ai dati al 31 dicembre 2019.

Nel dettaglio, il Manchester United ha registrato ricavi per 281,8 milioni di sterline (circa 325 milioni di euro) nei sei mesi chiusi al 31 dicembre 2020, in calo del 7,2% rispetto ai 303,8 milioni del 2019. L’unica voce in aumento è quella relativa ai ricavi da diritti tv, passati da 97,6 a 156,3 milioni di sterline (+60%) grazie alla partecipazione alla Champions League: in calo invece i ricavi commerciali (da 151 a 122,3 milioni di sterline, -19%) oltre a, ovviamente, i ricavi da matchday (da 55,2 a 3,2 milioni di sterline, -94%). L’impatto dei ricavi da diritti tv sul totale è stato pari al 55,5% (32,1% nel 2019/20), quello dei ricavi commerciali pari al 43,4% (49,7%) e quello dei ricavi da matchday pari all’1,1% (18,2%).

Dal punto di vista dei costi, i costi operativi sono passati da 276,6 a 262,1 milioni di sterline, con larga parte legata ai costi del personale, pari a 153,6 milioni di sterline nei primi sei mesi del 2020/21 (141,1 milioni nel 2019/20). Gli ammortamenti sono stati invece pari a 64 milioni di sterline, in linea sostanzialmente con i 63,4 milioni di sterline al 31 dicembre 2019.

L’Ebitda è in calo del 14,8% a 91,1 milioni di sterline, mentre l’utile è stato pari a 33,6 milioni (-6,9% rispetto al 2019/20.

Ed Woodward, Vicepresidente esecutivo, ha commentato: “Mentre ci avviciniamo a un anno intero dalla nostra ultima partita con i fan all’Old Trafford, riflettiamo su 12 mesi straordinariamente impegnativi per il calcio e la società nel suo insieme. La rapida introduzione dei vaccini nel Regno Unito e oltre ci dà la fiducia che ora siamo sulla strada della normalità, compreso il ritorno dei tifosi negli stadi. Sebbene l’interruzione delle nostre operazioni rimanga significativa, siamo lieti dell’enorme capacità di recupero che il club ha dimostrato durante la pandemia, sostenuta dalla dedizione del nostro personale e dalla forza della nostra attività commerciale”.

“Ci è stata ricordata l’importanza del calcio come fonte di comunità, intrattenimento e orgoglio per i fan di tutto il mondo, anche se all’Old Trafford ci sono mancati moltissimo. I progressi compiuti da Ole e dai giocatori in questa stagione sono chiari e anche la nostra fiorente Academy e la squadra femminile stanno aumentando l’ottimismo che proviamo per il futuro dentro e fuori dal campo”, ha concluso Woodward.