Armi e proiettili in macchina: arrestato storico capo ultras Inter

Uno storico capo degli ultras dell’Inter, Vittorio Boiocchi, 69 anni, è stato fermato ieri dagli agenti della Squadra Mobile, in compagnia di un noto pregiudicato, Paolo Cambedda, 67 anni,…

Inter rimborso abbonamenti

Uno storico capo degli ultras dell’Inter, Vittorio Boiocchi, 69 anni, è stato fermato ieri dagli agenti della Squadra Mobile, in compagnia di un noto pregiudicato, Paolo Cambedda, 67 anni, a bordo di una Nissan Qashqai rubata e in una borsa avevano una pistola calibro 38 con cartucce, pettorine della Guardia di Finanza, manette, uno storditore elettrico, un binocolo e dei guanti da lavoro.

Le accuse sono, allo stato di detenzione di arma clandestina e ricettazione ma gli investigatori stanno accertando se avessero intenzione di mettere a segno un colpo, una rapina o un sequestro di persona.

I due sono infatti stati perquisiti in via Pinturicchio, in zona Città Studi, dopo che i poliziotti avevano notato dei loro movimenti sospetti, come se stessero facendo sopralluoghi e verificando percorsi.

Entrambi hanno diversi precedenti tra reati contro il patrimonio, stupefacenti, armi. Boiocchi è un nome storico nel mondo ultrà e ha scontato diversi anni di carcere mentre Cambedda è noto alle cronache sin dagli anni ’70, soprattutto per aver fatto parte di ‘batterie’ di rapinatori.

[cta-across url=”https://affiliate.across.it/v2/click/tid962viff5grdhlvam”]SERIE A, CHAMPIONS LEAGUE ED EUROPA LEAGUE: SCOPRI LE NUOVE OFFERTE DI SKY CLICCA QUI E COMPILA IL FORM[/cta-across]