Trasformare lo sport da ultima ruota del carro a motore del Paese. Perchè lo sport è salute, benessere, aggregazione, sociale, svago, cultura: tutto insieme. Farlo, a partire dalle basi. Dai più piccoli. Già dai 2 anni di età, fino ai 6. Con un progetto sporteducativo unico. Che, nato tra la Brianza e Parma, potrà essere esportato adesso in tutta Italia.

Sono questi gli obiettivi chiave della partnership stipulata tra 2 realtà già note a livello nazionale, che hanno elaborato progetti doc per promuovere lo sport nella prima infanzia: Asilo del Calcio, realtà nata a Desio cinque anni fa, il cui format è stato oggetto di un libro, tre tesi universitarie ed è stato raccontato sui princiali media nazionali; e Go-All, nata a Parma due anni fa, che ha attivato lo sviluppo in franchising coinvolgendo già una decina di strutture in varie Regioni, oltre che stipulando una collaborazione con le Academy del Parma Calcio.

Su iniziativa dei due promotori, Alessandro Crisafulli (giornalista e manager sportivo) e Marco De Rossi (ex giocatore di rugby ed imprenditore), attraverso la fusione del rispettivo know-how tecnico, sportivo, educativo ed organizzativo, nasce “Go-All, l’Asilo del Calcio”: una realtà pronta a sbarcare in tutta la Penisola.

L’obiettivo è quello di diffondere sempre più la pratica motoria tra i piccoli aspiranti “campioncini” con tutti i benefici fisici, psicologici, relazionali, certificati da montagne di studi. Tenendoli così lontani dai rischi di sedentarietà, obesità infantile e intossicazione digitale.

Grazie a Go-All, potranno essere aperti nuovi Asilo del Calcio, nelle province attualmente libere: una grande opportunità per le Società dilettantistiche più all’avanguardia, per aprire una nuova importante fonte di ricavo e fidelizzare i bambini del territorio già dai primi anni di vita, incanalandoli poi verso la loro Scuola calcio. Ma è una chance da non perdere anche per eventuali imprenditori e professionisti appassionati di sport e sensibili al tema.

Non solo: si tratta di una occasione ghiotta per tutti i Club professionistici e semi-professionistici, per ampliare il proprio bacino alla base della piramide, andando a ingaggiare e fidelizzare un numero considerevole di famiglie, con benefici anche per il valore del brand e degli sponsor. Anche coinvolgendo le proprie Academy sul territorio. Creando così un vero e proprio indotto, diretto e indiretto, sia sociale che economico.

Il tutto con un prodotto consegnato “chiavi in mano”, con il “Libro dei GiocoAllenamenti” (dove si abbinano la scoperta degli schemi motori di base; la ball mastery calcistica e non solo; lo storytelling ed elementi di pre-educazione ambientale, stradale, alimentare, musicale, civica), la formazione dei coach, il materiale tecnico e sportivo, la piattaforma online per gestire ogni aspetto.

La partnership, le prossime location al via e soprattutto le opportunità per tutti coloro che vogliono intraprendere questo percorso saranno spiegate venerdì 19 febbraio alle ore 18.00, durante una conferenza stampa online, che si terrà su Facebook.