Serie A ricavi diritti Tv
(foto Matteo Gribaudi/Image)

Serie A ricavi diritti Tv – L’obiettivo della media company è quello di far crescere del 45% i ricavi della Serie A per oltrepassare la soglia dei 2 miliardi entro il 2029. Lo riporta MF-Milano Finanza, sulla base del documento che prevede la creazione di un canale di Lega che avrà un costo di circa 250 milioni.

La strategia dovrebbe far crescere il valore dei diritti nazionali da 995 milioni a quasi 1,6 miliardi e dei diritti internazionali da 340 a 589 milioni. Ne trarrebbero giovamento i club, ma al tempo stesso anche i fondi che incasserebbero ogni anno 5 milioni oltre al 10% del flusso di cassa netto fino a 173 milioni nel 2029.

Si tratta di uno scenario base che non contempla le stagioni dal 2021/22 al 2023/24, al centro in questi giorni delle trattative per l’assegnazione dei diritti tv nazionali e internazionali. In un ulteriore scenario “target”, il piano prevede ricavi fino a 2,5 miliardi nel 2029 con un ebitda di oltre 2 miliardi.

La Serie A si avvicinerebbe così a Liga e Bundesliga, mentre ai fondi il piano industriale garantirebbe un significativo aumento della remunerazione da incassare all’atto dell’exit. L’accordo prevede un ulteriore compenso a condizione che l’ebitda della media company superi quota 1,33 miliardi. In base al piano industriale iniziale e target, ciò dovrebbe avvenire al più tardi nel 2026 o nel 2025.

Serie A-fondi, quanto guadagnerebbe ogni club

Al raggiungimento della soglia scatterà la cosiddetta performance commercial fee, che in base a sei scaglioni di ebitda potrà arrivare fino a un massimo del 2,2% del flusso di cassa netto.