Nonostante le trattive in corso che potrebbero portare a un passaggio di proprietà dell’Inter, il club nerazzurro e il Milan confidano nel fatto che il progetto per il nuovo San Siro possa essere portato avanti senza significativi intoppi.

Secondo le società, il rapporto per il buon esito dell’operazione è quello tra i due club e il Comune di Milano, non tanto tra il Comune e le due proprietà. Considerando infatti la concessione di 99 anni dell’area per la costruzione dello stadio, è verosimile immaginare che le proprietà possano cambiare (anche più volte) nel corso del tempo.

E «come milanese» e «tifoso», prima ancora che come autore de “Gli Anelli di Milano” (il disegno dell’impianto in gara con “La Cattedrale” dello studio Populous), anche l’architetto Massimo Roj continua a credere nella realizzazione del progetto.

«Questa è un’occasione unica per rilanciare, come è accaduto per altre aree come Citylife e Porta Nuova, un intero quartiere: perderla sarebbe un peccato per l’intera città», le sue dichiarazioni rilasciate tramite un’intervista a La Repubblica.