Commisso stadio Fiorentina
Rocco Commisso (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Commisso stadio Fiorentina – «Dopo che il Comune di Firenze ha parlato di stadio per 15-20 anni, pensavo fosse preparato per lasciarmi fare qualcosa. Abbiamo cominciato con Campo di Marte ma, dopo tre mesi, la sovrintendenza mi ha detto che non potevo fare quello che volevo».

Così ha esordito a Radio Anch’io lo sport Rocco Commisso, patron della Fiorentina, intervenuto a proposito del tema stadio: «Dopo siamo andati in una località vicino l’aeroporto e lì è stata un’altra buffonata: non erano pronti e volevano solo i soldi di Rocco per mandare avanti la zona».

«Ora siamo al punto di prima, con Campo di Marte, col Franchi; la sovrintendenza mi ha detto che non potevo fare quello che volevo e io ho risposto: se è un monumento, portate i soldi voi, perché ai monumenti deve pensarci lo Stato. Rocco non metterà più soldi in questo stadio», ha aggiunto.

«Voglio lasciare qualcosa. La Fiorentina, dal 1926 a oggi, non ha mai avuto una proprietà. Fra pochi giorni metteremo la prima pietra per il centro sportivo, che sarà il più grande d’Italia, con i suoi 26 ettari, e costerà 85 milioni; consideriamo che la struttura non rientra nel financial fair-play. Lo dissi quando arrivai che volevo lasciare qualcosa per la Fiorentina», ha proseguito ancora il patron dei Viola.

In chiusura, una battuta sulla media company: «Io in Lega non vado, delego Joe Barone: mesi fa a Dal Pino ho detto che bisogna mantenere l’unità fra i presidenti e che quando arrivano questi fondi di finanziamento è sempre un bene per il calcio».