Simone Valente (Foto Samantha Zucchi Insidefoto)
Simone Valente (Foto Samantha Zucchi Insidefoto)

«Il Coni riacquista la sua autonomia e ogni rischio, per quanto minimo, di sanzioni da parte del Cio svanisce: siamo riusciti a portare a casa l’obiettivo di salvare l’immagine del Paese, nonostante le ore difficilissime che il Governo sta vivendo».

Così Simone Valente, deputato del Movimento 5 Stelle in commissione Cultura ed ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel primo governo Conte.

«Il Presidente Conte ha ascoltato le richieste e le preoccupazioni che, a più riprese, avevo segnalato nei mesi scorsi, sapendo che gli strumenti per arrivare al risultato erano già contenuti nella legge delega del 2019. L’importante, comunque», sottolinea l’ex sottosegretario, «è che abbiamo messo una fine a questa vicenda, tra l’altro largamente strumentalizzata. Dopo tutte le polemiche che hanno investito anche Sport e Salute, il decreto approvato in Consiglio dei ministri conserva l’integrità di questo ente e lo conferma un asset strategico per lo Stato in materia di politiche sportive».

«Ora la parola passa al Parlamento, dove spero che la discussione si focalizzi sulle politiche di rilancio del sistema sportivo. Fin troppo tempo è stato perso su questioni lontane dai problemi reali di chi vive di sport, è il momento di lavorare a sostegno di questo settore così provato dall’emergenza», conclude Valente.