Milik impatto bilancio Napoli
(Photo by MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

Milik impatto bilancio Napoli – «La SSC Napoli comunica che il calciatore Arkadiusz Milik è stato trasferito, a titolo temporaneo fino al 30 giugno 2022 con obbligo di riscatto, all’Olympique de Marseille».

Il club partenopeo ha comunicato con questa breve nota l’addio dell’attaccante polacco, che lascia gli azzurri dopo quattro stagioni e mezzo durante le quali non è mai riuscito ad esprimere appieno tutto il suo potenziale.

Gli infortuni – rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro, e successivamente di quello destro – condizionano la sua esperienza in terra campana, e Milik riuscirà a disputare una stagione completa (la migliore) solamente con Ancelotti nel 2018/19 (20 reti in 47 presenze).

Milik impatto bilancio Napoli – Tutta plusvalenza per gli azzurri

E dire che il polacco era arrivato in Italia con grandi aspettative dopo i 24 gol nella stagione 2015/16 con l’Ajax, che avevano convinto il Napoli a investire 32 milioni di euro e a fargli firmare un contratto quinquennale, fino al 30 giugno 2021.

A giugno 2020 il calciatore aveva un valore netto a bilancio pari a 960 mila euro (il Napoli ammortizza i calciatori a quote decrescenti, dunque a un anno dalla scadenza del contratto il costo del cartellino era già praticamente tutto ammortizzato).

Questo significa che a prescindere da quando il Napoli registrerà l’operazione a bilancio – subito o al momento del riscatto da parte del Marsiglia – la plusvalenza sarà quasi totale. Si parla di 8 milioni di euro, ai quali si potrebbero aggiungere ulteriori 5 milioni di bonus (e il 25% sulla futura rivendita).

Sul bilancio 2020/21 il Napoli risparmierà invece sicuramente sei mesi di stipendio. Il calciatore percepiva 2,5 milioni di euro netti a stagione (4,55 milioni di euro lordi), dunque il risparmio sarà pari a circa 2,27 milioni.