Equipe crisi quotidiano
(Photo credit should read PHILIPPE LOPEZ/AFP via Getty Images)

Equipe crisi quotidiano – Momento delicato per L’Equipe, noto quotidiano sportivo nazionale francese. Da sabato la testata non esce in edicola a causa dello sciopero dei giornalisti contro il piano di tagli dell’editore Amaury, che prevede l’uscita di almeno 35 redattori sui 300 totali, il cambio di periodicità di alcuni magazine e la chiusura di altri.

Jean-Louis Pelé, direttore generale della testata, ha spiegato pubblicamente che «è essenziale ridurre la massa salariale, che rappresenta il 60% dei costi. A chiusura dell’anno scorso registriamo 5 milioni di euro di perdite operative, contenendole grazie a varie economie che però sono difficilmente replicabili in futuro. Il dato può arrivare a 10 milioni nel giro di 3 anni», le sue parole riportate da ItaliaOggi.

Dal punto di vista diffusionale, il giornale a novembre è sceso a 193 mila copie tra carta e digitale, secondo gli ultimi dati disponibili certificati da Acpm. Insomma, causa pandemia ma non solo, L’Equipe si ritrova senza molti eventi sportivi e, in più, deve far fronte alla concorrenza dell’informazione gratuita su internet.

Per il quotidiano i problemi sono soprattutto interni, tanto che la casa editrice vuole risparmiare anche chiudendo il supplemento Sport & Style e trasformando in mensile il settimanale France Football.

Prevedendo comunque uscite dall’organico redazionale, L’Équipe «tratterà differentemente le discipline sportive cosiddette minori e smetterà di coprire altri ambiti», ha sottolineato Pelé, che non ha mancato di lanciare una stoccata ai giornalisti: «La redazione de L’Équipe è la più pagata del settore. Il salario medio è di 4.900 euro lordi al mese».

Ma il vero problema è sul fronte dei ricavi perché «ci vuole tempo per passare da un fatturato generato dall’edizione cartacea a uno garantito dal web. Per questo dobbiamo spingere la crescita degli abbonamenti digitali», ha concluso il direttore generale.

In questo senso, Amaury sta studiando il lancio di una nuova piattaforma digitale in cui mettere in evidenza soprattutto i cosiddetti long form, racconti scritti, video o audio più lunghi di un normale articolo o servizio tv, credendo possano coinvolgere maggiormente il lettore.

Sky WiFi a sconto con Sky TV e Sky Q
Clicca qui per maggiori informazioni