Angela Merkel (Insidefoto)

Più di un quarto del programma di assistenza per la crisi derivante dall’emergenza Coronavirus creato dal governo tedesco, dotato di 200 milioni di euro, sarà utilizzato per gli sport professionistici. Lo riferisce oggi il Ministero dell’Interno tedesco.

Il settore riceverà quasi 69 milioni di euro, ha precisato il ministero dell’Interno ad una richiesta della dpa. Il suddetto Ministero, responsabile dei fondi legati alla pandemia, ha segnalato che fino al 22 novembre sono state presentate 339 richieste di assistenza per il settore sportivo.

Di queste, 259 proposte sono già state approvate, per circa 55,4 milioni di euro, mentre sei sono state respinte e 74 sono ancora in fase di analisi. Si possono richiedere fino a 800.000 euro per associazione sportiva, da quelle dedicate agli sport meno conosciuti alla pallamano e al basket, ma sono escluse le società di calcio professionistiche.

Il ministero ha riferito di non voler pubblicare elenchi individuali delle varie discipline, «perché soprattutto nel caso di sport o campionati minori, dove le candidature sono poche, è possibile che si possano trarre conclusioni sui singoli candidati».

Il parlamento tedesco ha approvato all’inizio di luglio un programma di aiuti per alleviare l’impatto della crisi nello sport professionistico, che copre le società e le società sportive nelle competizioni professionistiche o semiprofessionali.

Il periodo per la presentazione delle domande è stato inizialmente prorogato fino al 31 ottobre, ma è stato successivamente prorogato fino al 22 novembre. Il programma potrebbe anche essere esteso al prossimo anno.