Vaccino quante dosi Italia
(Photo by Scott Barbour/Getty Images)

Nuovo passo avanti verso il vaccino anti-Covid di Pfizer. La società ha dichiarato che i risultati finali della sperimentazione in fase avanzata dei suoi vaccini COVID-19 mostrano che la sua efficacia è pari al 95%, aggiungendo che richiederà l’autorizzazione di emergenza negli Stati Uniti entro pochi giorni.

Il produttore farmaceutico ha affermato che l’efficacia del vaccino sviluppato con il partner tedesco BioNTech SE era coerente per età ed etnia demografica e che non c’erano effetti collaterali importanti, segno che l’immunizzazione poteva essere impiegata ampiamente in tutto il mondo. L’efficacia negli adulti di età superiore ai 65 anni, che sono particolarmente a rischio per il virus, era superiore al 94%. L’analisi finale arriva solo una settimana dopo che i risultati iniziali dello studio hanno mostrato che il vaccino era efficace per oltre il 90%.

Lunedì Moderna ha rilasciato i dati preliminari per il suo vaccino, mostrando un’efficacia simile. I dati migliori del previsto dai due vaccini, entrambi sviluppati con una nuova tecnologia nota come RNA messaggero (mRNA), hanno sollevato la speranza per la fine della pandemia.

Tuttavia, mentre alcuni gruppi come gli operatori sanitari avranno la priorità negli Stati Uniti per le vaccinazioni quest’anno, ci vorranno mesi prima che inizi l’implementazione su larga scala. Pfizer ha detto che ci sono stati 170 casi di malattia nel suo studio su più 43.000 volontari, di cui 162 sono stati osservati nel gruppo placebo e 8 nel gruppo vaccino. Dieci persone hanno sviluppato una forma grave di COVID-19, una delle quali ha ricevuto il vaccino. Ha anche affermato che il vaccino è stato ben tollerato e che gli effetti collaterali sono stati per lo più da lievi a moderati e si sono risolti rapidamente.

L’unico evento avverso grave che ha colpito più del 2% dei vaccinati è stato l’affaticamento, che ha colpito il 3,7% dei riceventi dopo la seconda dose. Gli anziani tendevano a segnalare un minor numero di eventi avversi sollecitati in seguito alla vaccinazione.

“Con centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo infettate ogni giorno, abbiamo urgente bisogno di fornire al mondo un vaccino sicuro ed efficace”, ha dichiarato Albert Bourla, CEO di Pfizer. Pfizer e BioNTech hanno anche affermato che intendono presentare i dati ad altre agenzie di regolamentazione in tutto il mondo e negli Stati Uniti. Hanno anche in programma di inviare i dati dello studio a una rivista scientifica revisionata.

Pfizer ha ribadito che prevede di produrre fino a 50 milioni di dosi di vaccino quest’anno, sufficienti per proteggere 25 milioni di persone, e quindi di produrre fino a 1,3 miliardi di dosi nel 2021. Delle dozzine di produttori di farmaci e gruppi di ricerca che corrono per sviluppare vaccini contro COVID-19, il il prossimo rilascio dei dati sarà probabilmente da AstraZeneca Plc con l’Università di Oxford a novembre o dicembre. Johnson & Johnson afferma che è sulla buona strada per fornire dati quest’anno.