Le notizie positive sul vaccino contro il coronavirus di Pfizer (+6,2%) e BioNTech (+12%), che ha dimostrato un’efficacia nel prevenire il contagio nel 90% dei volontari ammessi alla fase 3 dei test, giovano ai mercati, tranne che ai titoli delle società maggiormente favorite dalle restrizioni ai movimenti imposte in questi mesi a causa della pandemia di coronavirus. Lo riporta Radiocor.

Tra i cosiddetti titoli ‘stay-at-home’ ci sono Zoom Video e Amazon, che cedono rispettivamente il 16,2% e l’1,65%; Netflix cede il 4%; Teladoc Health, societàper la consulenza sanitaria a distanza, è in ribasso dell’8%. “Dal punto di vista degli investimenti, l’implicazione più importante della notizia sul vaccino è che finalmente si potrà vedere una rotazione” dei titoli in portafoglio, ha commentato Ed Keon di QMA alla Cnbc.

“Oggi è un grande giorno per la scienza e l’umanita’. La prima serie di risultati del nostro studio di fase 3 sul vaccino Covid-19 fornisce la prova iniziale della capacità del nostro vaccino di prevenire il virus”, ha affermato Albert Bourla, presidente e CEO di Pfizer in una nota sottolineando che “stiamo raggiungendo questo traguardo fondamentale nel nostro programma di sviluppo di vaccini in un momento in cui il mondo ne ha più bisogno con tassi di infezione che stabiliscono nuovi record, ospedali che si avvicinano alla capacità eccessiva e le economie che lottano per sopravvivere”. Le aziende prevedono di produrre a livello globale fino a 50 milioni di dosi di vaccino nel 2020 e fino a 1,3 miliardi di dosi nel 2021.