FIFA regole agenti
Mino Raiola (foto Insidefoto.com)

FIFA regole agenti – La FIFA studia come regolamentare il mondo degli agenti. Come scrive la Gazzetta dello Sport, un mondo che per molti versi somiglia al Far West. Le nuove regole che la Federcalcio mondiale sta studiando dovrebbero essere approvate al Consiglio di marzo, per entrare in vigore a partire da settembre 2021.

La volontà di introdurre delle norme ha come obiettivo di garantire uno standard etico e professionale agli agenti FIFA, che prende spunto da due motivazioni. Da un lato l’ammontare delle commissioni, che ha raggiunto livelli inaccettabili. Dall’altro gli aspetti peggiori che si nascondono dietro questa attività, soprattutto negli ultimi 20 anni: dalla corruzione al riciclaggio, dall’evasione fiscale al traffico di minori, dai pagamenti in nero alle scommesse clandestine.

La normativa si articolerà in due grandi capitoli: come diventare agente e come comportarsi. Per quanto riguarda il primo punto, ci sarà una maggior attenzione al curriculum: ci sarà sì l’esame FIFA, ma per chi non ha precedenti penali, non ha subito sospensioni o squalifiche per violazioni etiche o professionali, non sia mai finito in bancarotta e non abbia rapporti diretti o indiretti con il calcio, dalla FIFA ai club, o con agenzie di scommesse.

Per le regole di comportamento, saranno naturalmente improntate all’etica, compreso il fatto che sarà vietato contattare un giocatore legato a un altro agente fino a due mesi dalla fine del contratto. Si rischia dall’ammenda alla sospensione.

Infine verrà posto un tetto alle commissioni: limite del 3% sullo stipendio (senza bonus) dei calciatori, sia per quanto riguarda la commissione del calciatore che per la commissione versata dal club acquirente; limite del 10% sul prezzo di trasferimento per la commissione versata dalla società che vende un calciatore. Nel 2019 le commissioni ammontavano a 654 milioni di dollari (nel 2014 erano 241), e solo 75 di indennità di formazione. Una proporzione inaccettabile.