La "Gazetta dello Sport" (Photo credit should read TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

«La Gazzetta non è solo il principale quotidiano sportivo in Italia, in questi anni è diventato anche il principale quotidiano sportivo al mondo. E questa manifestazione lo dimostra». Lo ha detto il direttore della Gazzetta dello Sport, Stefano Barigelli, aprendo l’edizione 2020 del Festival dello Sport.

«Decidere di non fermarsi non è stata una scelta facile, ma è stata una scelta significativa e giusta, alla fine abbiamo capito strada facendo che questo festival che si stava trasformando in digitale aveva una grande forza comunicativa, comunicava un messaggio di volontà e di speranza, parole che lo sport conosce benissimo», le parole di Barigelli in merito alla kermesse organizzata dal quotidiano sportivo.

«Non è stato facile ma è venuto un bellissimo festival, ci sono oltre 100 campioni. Cito Hamilton e Nadal, due grandissimi che hanno fatto storia dello sport, talmente distanti e diversi che solo Gazzetta e Festival dello Sport poteva riunire», ha sottolineato Barigelli, aprendo il Festival dello Sport.

«In questo esordio avremo ministro Spadafora, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, e il presidente del CIP, Luca Pancalli. Tutto è stato possibile grazie a tenacia di chi ha organizzato questo festival, ringraziando il vicepresidente Gianni Valenti, il mio predecessore Andrea Monti e la redazione tutta», ha continuato il direttore della Gazzetta.

«Sarà un festival nuovo, moderno ma bello come i precedenti. Questa scommessa non l’avremmo potuta lanciare se non avessimo avuto pieno sostegno dell’editore, Urbano Cairo, che ringraziamo», ha concluso il direttore della Gazzetta dello Sport.