Aurelio De Laurentiis e Andrea Agnelli (Photo by Marco Rosi/Getty Images)

“Non è che mi debba fare una idea o meno. Credo sia giusto e doveroso dare la nostra opinione. Ciò che è indispensabile è fare chiarezza. I protocolli sono molto chiari, era anche prevedibile che sarebbe successo qualche caso di positività. Ma serve lealtà sportiva”. Lo ha detto il presidente della Juventus Andrea Agnelli, intervistato da Sky.

“In questo caso si applica il protocollo della Figc che rimanda ad una circolare del Ministero della Sanità approvata dal Cts. Quindi si sa cosa si deve fare, si va in isolamento fiduciario presso una struttura concordata con l’Asl, dove tutto il gruppo squadra si isola e questo permette di continuare ad allenarsi e a giocare. C’è molta chiarezza, è stato un lavoro molto importante svolto dalla Federazione con il Ministero della Salute. È esattamente quello che abbiamo fatto ieri alla Juventus, isolandoci in una bolla per venire a giocare stasera”.

“Non è una questione di sistema calcio, il protocollo è stato studiato dalla Federazione col governo, è un documento vivo: andando avanti scopriamo sfaccettature che non avevamo ipotizzato a tavolino, l’importante è avere quello spirito di voler giocare e di lealtà sportiva che sta alla base di tutto. Le casistiche volta per volta verranno individuate e il documento perfezionato, è evidente che la priorità è la tutela della salute pubblica, in questo caso abbiamo un protocollo che ci permette di svolgere il nostro mestiere”