TIM Sky DAZN
(foto Insidefoto.com)

«I diritti televisivi della serie A di calcio al momento valgono 1 miliardo e 350 milioni di euro l’anno. I diritti sono in scadenza nel 2021, sono al momento di proprietà della lega di serie A e contribuiscono oltre il 50% delle entrate dei club».

«Le squadre di serie A per fare cassa, data la loro estrema difficoltà finanziaria, hanno deciso di creare una “media company”, nella quale il 10% sarebbe appannaggio di fondi d’investimento internazionali o la cordata Cvc, Advent e Fsi, oppure quella Bain Capital e Nb Renaissance».

«In questo modo i diritti televisivi da distribuire alle 20 squadre di Serie A salirebbero a 1 miliardo e mezzo di euro l’anno». Sono le premesse di Elio Lannutti, senatore di maggioranza, del MoVimento 5 Stelle, nell’interrogazione parlamentare rivolta al ministro dell’Economia Roberto Gualtieri e al ministro dello Sport Vincenzo Spadafora a proposito dell’operazione della Lega Serie A con i fondi di private equity.

«Visto e considerato che la nuova società che gestirà i diritti calcistici avrà come amministratore delegato una figura espressione dei fondi d’investimento – prosegue il senatore –, che nomineranno anche il 50% del consiglio d’amministrazione e il calcio, prima ancora che un business, è uno sport, ha un valore sociale e l’ingresso dei fondi d’investimento, per di più stranieri, rischierebbe di condizionare in senso molto più affaristico e molto meno sociale l’intero sistema, chiedo se il ministro dell’Economia e il ministro per le politiche giovanile e lo sport sono a conoscenza dei fatti descritti e se intendano salvaguardare le peculiarità dello sport del calcio, proteggendolo dalle grinfie di speculatori e avidi proprietari di club e soprattutto se intendano impedire che la serie a finisca in mano a speculatori stranieri».

«Chiedo, poi, al ministro Spadafora, se intenda proporre soluzioni alternative, che proteggano il calcio da attacchi speculativi», conclude il senatore pentastellato.

PrecedentemasterSport al top in Italia nel ranking di Sportbusiness
SuccessivoIl calciomercato 2.0: le nuove tecnologie per club, agenti e osservatori