Bologna, secondo tampone negativo per Mihajlovic: domani torna in campo

“Alla luce dell’esito negativo degli ultimi due tamponi per il rilevamento del Covid-19 eseguiti come da procedura, il tecnico del Bologna Sinisa Mihajlovic può riprendere la sua regolare attività. Domani…

MIhajlovic cittadinanza onoraria Bologna

“Alla luce dell’esito negativo degli ultimi due tamponi per il rilevamento del Covid-19 eseguiti come da procedura, il tecnico del Bologna Sinisa Mihajlovic può riprendere la sua regolare attività. Domani dunque sarà al centro tecnico Niccolò Galli per dirigere l’allenamento della squadra”. Lo rende noto il Bologna, in una nota sul sito.

Dopo la positività rivelata il 23 agosto scorso, il tecnico aveva dovuto saltare tutto il ritiro di Pinzolo. Un ritiro che lo ha visto comunque vicino alla squadra seppur da remoto, in camera di alberto e in isolamento fiduciario.

Dopo la negatività dei due tamponi consecutivi, Mihajlovic potrà così tornare ad allenare. “Mi è dispiaciuto non fare il ritiro come l’anno scorso: un anno fa la leucemia, quest’anno il Covid ma ho visto i ragazzi e il mio staff lavorare benissimo. Sto bene e tra qualche giorno uscirò da questa situazione, così come sono uscito dalla leucemia”, aveva detto nei giorni scorsi.

“Non ho fatto nulla di sbagliato, sono malato di regole e quelle sul Covid le ho seguite: mi dispiace per le critiche alla mia famiglia e a me. Nelle ultime due stagioni non sono stato molto fortunato, ma dopo la lucemia vincero’ anche questa. Uscivano, andavano in discoteca, non potevo impedirlo. Lui è stato positivo, ora è negativo”.

“Il calcio è uno spettacolo, e senza tifosi non c’e’ spettacolo: per noi e per tutte le altre e’ molto difficile giocare senza pubblico. A noi i tifosi danno tanta forza, quelli del Bologna poi sono speciali – ha aggiunto – Senza, ci viene tolto un 20-30 per cento, e non parlo solo della mia squadra. Mi auguri con tutto il cuore che a poco a poco tornino negli stadi, quando sara’ possibile e come sara’ possibile: speriamo che tutta questa situazione si risolva al più presto. L’obiettivo è battere il record di punti, 52, e fare del Bologna la squadra più giovane di Italia”.