L'Inter durante un allenamento (Photo credit should read MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

La conferma di Antonio Conte è il primo pilastro da cui può ripartire l’Inter. La stagione nerazzurra si è conclusa con il secondo posto in Serie A e la sconfitta nella finale di Europa League contro il Siviglia. Ora società e tecnico si concentrano sul 2020-21, in attesa di capire quando la squadra scenderà in campo per il primo match di campionato.

La società avrebbe richiesto di posticipare la prima giornata e potrebbe chiedere la stessa cosa anche per la seconda. L’obiettivo è quello di avere più tempo per la preparazione della prossima stagione, visto che la squadra di Conte è stata impegnata fino al 21 agosto per la competizione europea.

Un’altra possibilità è quella di posticipare l’inizio della Serie A 2020-21 al 26 settembre, ipotesi caldeggiata da Inter e Atalanta, la cui stagione è terminata più tardi rispetto alle altre con il quarto di finale di Champions League giocato il 12 agosto contro il PSG. La discussione è ancora accesa e lo sarà finché le date non saranno ufficiali, cioè dopo il Consiglio Federale convocato per le 12 del 31 agosto.

In ogni caso i cancelli della Pinetina si apriranno la seconda settimana di settembre tra il 7 e il 9 del mese, stando al Corriere dello Sport. La certezza è che i giocatori interisti quest’anno avranno ferie compresse, 10-15 giorni al massimo. La quota si ridurrà ulteriormente per i giocatori convocati nelle rispettive Nazionali i cui impegni inizieranno il 3-4 settembre.

Nell’incontro con Conte si è parlato anche di mercato ed esuberi. I dirigenti nerazzurri hanno incontrato Pradè e Barone della Fiorentina per discutere di Dalbert e Biraghi. Non ci sarà il rinnovo dello scambio di prestiti perché i viola hanno deciso di non confermare il terzino brasiliano, che tornerà perciò momentaneamente in nerazzurro in attesa di trovare una nuova sistemazione.

Stessa sorte per Asamoah e Vecino, ormai ai margini del progetto, mentre su Gagliardini c’è un punto di domanda. Per Biraghi è possibile che si cerchi di intavolare un altro tipo di operazione con il club di Commisso, visto che il giocatore è in lista Champions ed è cresciuto nel vivaio dell’Inter.