Jean Michel Aulas (Photo credit should read JEAN-PHILIPPE KSIAZEK/AFP/Getty Images)
Jean Michel Aulas (Photo credit should read JEAN-PHILIPPE KSIAZEK/AFP/Getty Images)

Il Lione si giocherà questa sera, mercoledì 19 agosto, l’accesso alla finale della Uefa Champions League. I francesi dovranno compiere l’ennesima impresa per raggiungere l’atto conclusivo della massima competizione europea per club, visto che dovranno affrontare il favoritissimo Bayern Monaco, galvanizzato dalla straripante vittoria sul Barcellona, umiliato con 8 reti segnate.

La squadra di Rudi Garcia, dopo aver concluso la Ligue 1 al settimo posto in seguito allo stop al torneo transalpino, si è presentata a Lisbona in condizioni fisiche perfette e ha eliminato prima la Juventus agli ottavi di finale, nonostante la sconfitta nel match di ritorno a Torino, poi il Manchester City di Guradiola, ribaltando i pronostici della vigilia.

Se dovesse battere il Bayern Monaco, il club del presidente Jean Michel Aulas si qualificherebbe per la prima prima volta nella sua storia alla finale della Uefa Champions League, dove ritroverebbe i connazionali del Paris Saint Germain. Il team della capitale ha battuto in semifinale i tedeschi del Lipsia per 3 a 0, grazie alle reti di Marquinhos, Di Maria, autore anche dei due assist per i compagni, e Bernat.

Alla vigilia della semifinale ha parlato il presidente del Lione, il quale ha dichiarato a Le Progrès: “La Francia merita quattro posti in Champions League. Abbiamo portato due squadre in semifinale e questo ci permette di parlare con la UEFA per richiedere questa revisione. Nonostante i tanti attacchi al nostro campionato, stiamo lavorando bene. PSG e Lione hanno battuto Atalanta e Juve, abbiamo abbastanza argomenti per portare avanti l’idea. E siccome la Lega francese tarda a fare questa richiesta, tocca a noi presidenti”.