Genoa-Sampdoria spettatori
Davide Biraschi e Fabio Quagliarella uno contro l'altro nel derby (Foto Matteo Gribaudi / Image Sport / Insidefoto)

Genoa Samp mancati ricavi – Raduno in vista per Genoa e Sampdoria. I rossoblu si riuniranno all’inizio della prossima settimana al Signorini per visite mediche e tamponi per il Covid; i blucerchiati si ritroveranno il 26 agosto all’Ac Hotel e dedicheranno i primi due giorni a visite d’idoneità e test.

I rossoblu stanno valutando la possibilità di effettuare un ritiro in Piemonte, Valle d’Aosta o Lombardia. Niente Neustfit per quest’anno. Nel frattempo è iniziata ieri l’avventura del nuovo ds del Grifone Daniele Faggiano. La Samp invece svolgerà la preparazione a Bogliasco, con i giocatori che potrebbero avere la possibilità anche di tornare a casa a dormire senza doversi fermare in albergo.

Le due squadre si prepareranno per la prossima stagione, al via il 19 settembre, con la speranza di poter rivedere sugli spalti i propri tifosi (si parla di una possibile apertura dei cancelli dal 3/4 ottobre). Nel frattempo in questa situazione non sono state avviate le campagne abbonamenti, come riporta il Secolo XIX.

Per quanto riguarda la squadra del presidente Preziosi la perdita economica legata all’assenza dei tifosi e la mancata vendita degli abbonamenti, secondo i dati del bilancio 2019, è pari a € 4.178.574, di cui 2.6 milioni derivanti dai ricavi dagli abbonamenti e 1.5 milioni dagli incassi delle gare (18 match disputati in casa nel 2019 tra campionato e Coppa Italia). Dal 10 agosto i tifosi possono richiedere il voucher di rimborso della parte di abbonamento legata alle 7 gare disputate a porte chiuse post lockdown. Le richieste giunte ad oggi sono 3.000 ma c’è tempo fino al 23 settembre.

I mancati ricavi totali della Samp legati alla situazione Covid sono pari a 4.986.000, secondo i dati finanziari del 2019. Di questi € 3.060.000 sono legati agli incassi dagli abbonamenti, mentre 1.9 milioni derivano dagli introiti delle gare (20 match giocati al Ferraris nel 2019). Dal 20 luglio i tifosi possono chiedere il  rimborso e ad oggi le richieste sono state 11 mila di cui più della metà per la curva Sud. Il limite per richiedere il voucher è stato posticipato dal 20 al 28 agosto.