tiki taka non chiude

Tiki Taka non chiude ed è pronto a tornare: da settembre la trasmissione calcistica di Mediaset tornerà di nuovo in onda, dopo lo stop alla ripartenza del campionato post-lockdown, sostituito dal solo Pressing nella programmazione della tv del biscione.

Nelle scorse settimane era arrivata la prima novità, con l’addio di Pierluigi Pardo, da sempre volto della trasmissione: “Tiki era un esperimento nato 7 anni fa da un buco di palinsesto – ha spiegato in un’intervista al Corriere della Sera -, si parlava di calcio ma con leggerezza, in maniera diretta e informale, perché se siamo formali nel calcio è finita. Il programma era sopra la media di rete con uno share tra l’ 8 il 9% ma dopo tanti anni ho sentito il bisogno di nuovi stimoli”.

Il sostituto sarà Piero Chiambretti, come si vede anche nel promo già in onda sui canali Mediaset.

“Per una trasmissione di calcio ci vuole un conduttore competente, imparziale, cristallino, equo, che non abbia una fede calcistica che possa cambiarne le opinioni. Bene, io quel conduttore ce l’ho: sono io”, scherza Chiambretti indossando la maglia del Torino.

Tiki Taka non chiude, le novità di Chiambretti

Non stravolgerò la trasmissione. Se avessi voluto stravolgerlo, avrei cambiato il nome. Metterò il pallone al centro e cercherò di far risaltare i valori del calcio. C’è chi dice che faccio sempre lo stesso programma. La mia griffe si vedrà fin dalla nuova scenografia. Si capirà subito che è uno show mio. E che al centro metterò il pallone“, le parole di Chiambretti in una recente intervista a Tv Sorrisi e Canzoni.

Rimarrà la presenza femminile, che riguarderà “giornaliste, tifose, mogli o fidanzate di calciatori. Non corpi femminili da esibire“, spiega Chiambretti, così come la struttura del programma tra ospiti, addetti ai lavori e i classici opinionisti come Mughini e Cruciani. “L’idea è conservare qualcuno del passato e aggiungerne di nuovi per farli ruotare. Ci metterò passione con l’obiettivo di migliorare il linguaggio calcistico televisivo, pieno di formule abusate. L’ideale è andare oltre il ‘bla bla bla. Lo sposalizio tra sport e intrattenimento si può fare. Basta non varcare una linea sottile e allora vinci la partita“.

Tiki Taka quindi ripartirà a settembre, probabilmente nei giorni della ripartenza del campionato di Serie A (fissata per il weekend del 19 e 20 settembre), ogni lunedì in seconda serata su Italia 1.