cessione genoa
Enrico Preziosi (Insidefoto)

Enrico Preziosi rimanda al mittente l’offerta per acquistare il Genoa. Il patron rossoblu ha infatti replicato con durezza alla notizia emersa nel pomeriggio di una cordata interessata al club.

Secondo quanto riportato dall’Ansa, una cordata italiana ha formalizzato una offerta di acquisto per il club rossoblu. Nel dettaglio, la capofila della cordata è la Gestio Capital dell’imprenditore Matteo Manfredi, specializzato nella gestione di patrimoni di facoltose famiglie private. Sarebbe tuttavia coinvolta anche la Aser Ventures, la holding sportiva di Andrea Radrizzani, proprietario del Leeds (rilevato nel 2017 da Cellino) appena riportato in Premier League, oltre che della piattaforma Eleven Sports. Tra i proponenti, in quota minoritaria, ci sarebbe anche un fondo statunitense di private equity.

Dopo alcuni contatti informali, spiega l’Ansa, la presentazione della proposta di acquisto farà partire la due diligence, in una operazione che nelle intenzioni dei proponenti punta a “valorizzare un club dal brand storico, sotto il profilo tecnico e manageriale”. L’obiettivo è quello di concludere l’affare entro la prima metà della stagione 2020/21.

Tuttavia, da parte di Preziosi non è arrivata nessuna apertura, anzi. Commenti ufficiali non sono arrivati dal club ligure, ma il patron del Genoa ha fatto sapere di ritenere quell’offerta “ridicola”, sfidando i proponenti a “pubblicarla affinché tutti possano vederla e rendersi conto”.

Preziosi, alla Gazzetta dello Sport, ha poi rincarato la dose: “Queste sono barzellette da bar, non sono offerte serie. Che significa farsi carico dei debiti e poi magari investire più avanti, Così non si fa il bene del Genoa. È una proposta irricevibile”.

“Mi è stata preannunciata l’offerta e la notizia è stata subito resa pubblica, ancor prima che io potessi fare una valutazione. Ho invitato questi signori a rendere pubblica la loro offerta, così la gente può farsi un’idea. Ma ho l’impressione che non lo faranno. Sono al lavoro per la nuova stagione. E il Genoa in questo momento ha solo bisogno di serenità, non di inutile confusione”.