borini maturità
Fabio Borini (Photo Daniele Buffa / Image Sport / Insidefoto)

“Durante il lockdown ho studiato per prendere la Maturità geometri. Voglio il diploma perché quando smetterò di giocare sogno di iscrivermi all’Università, ad Architettura: la mia idea è progettare centri di allenamento per il calcio che siano funzionali a staff, giocatori e società”. Parole di Fabio Borini, il calciatore del Verona ha deciso di riprendere gli studi per completare il percorso scolastico.

La vicenda riportata dal Corriere della Sera è alquanto bizzarra. Al momento sembra impossibile superare l’esame di Maturità: ma non essere promossi, proprio riuscire a sostenerlo. Per un mix di difficoltà reali e inghippi burocratici. “Io le sto provando tutte per prendere un diploma – sottolinea l’ex Milan -. Ho studiato con impegno, ma non mi fanno sostenere l’esame, rischio di buttare un anno. Prima il Covid, poi il campionato ogni tre giorni e ora la scuola chiusa per ferie”.

Ripercorriamo i fatti: Borini viene assegnato all’Istituto Sant’Elia di Cantù. Gli esami preliminari (che i privatisti devono sostenere prima della Maturità) erano fissati per fine maggio, a campionato concluso. Poi c’è stato il Covid. Che ha stravolto i calendari, scolastici e calcistici. In seguito all’ordinanza ministeriale 41 del 27/6, la scuola fa un po’ di conti e i conti non tornano più. L’elaborato su cui svolgere la prova scritta (in questo caso topografia e estimo) deve essere consegnato agli studenti entro il 24 agosto. Prima però bisogna aver superato gli esami preliminari che quindi dovrebbero tenersi attorno al 20. Ma i docenti sono in ferie.

«Il 2 luglio mi dicono che gli esami saranno il 10 luglio: io giocavo, avevo anche due trasferte. Mi hanno visto tutti!
Il Verona manda una lettera in cui spiega che non posso assentarmi per inderogabili ragioni lavorative. Niente da fare. Anche ad ipotizzare che le prove si svolgano nella settimana successiva a Ferragosto, in quel periodo tutti i docenti sono in ferie. Allora ho chiesto di essere assegnato a un altro istituto».

Il 20 agosto, per esempio, all’Istituto Vanoni di Menaggio ci sarà una sessione per uno studente privatista Cat (l’ ex Geometri), ai Magistri Cumacini gli esami preliminari saranno a fine mese, come al Caio Plinio di Como. E all’ Istituto Pascoli sarebbero disponibili a esaminare Borini. La palla passa all’ufficio scolastico territoriale. Che però la respinge nel campo della scuola. «La competenza alla formulazione del calendario delle prove preliminari è della scuola», scrive il dirigente Roberto Proietto. E quindi niente esami.

«Fabio non vuole trattamenti privilegiati, non si è rivolto a un diplomificio, ha scelto un percorso di studi serio», le parole del tutor Mirko Giarrusso. «Per me questo era l’anno buono, la prossima stagione non so dove giocherò, potrei essere anche all’estero, così è come se mi avessero bocciato senza fare l’esame».