Da sinistra il CEO del Bologna Claudio Fenucci, il CEO della Macron Gianluca Pavanello e il direttore marketing e commercial del Bologna Christoph Winterling.

La società italiana di articoli sportivi ha programmato di incrementare le sue vendite e la sua presenza globale attraverso la ricerca di club che non solo forniscono visibilità ai media, ma che hanno anche una grande base nei Social Network.

La strategia di Macron, che concentra il 75% delle sue sponsorizzazioni nel calcio, dove è già il terzo marchio più importante a livello europeo, solo dietro Nike e Adidas in termini di sponsorizzazioni con un gran numero di club in Europa. Il duopolio Adidas e Nike concentra il 34% del volume delle sponsorizzazioni, secondo il rapporto economico annuale pubblicato da Uefa.

“Scommettiamo su club che muovono una grande massa sociale, perché maggiore è il volume dei tifosi, maggiore è il ritorno economico che generano”, spiega Roberto Casolari, direttore del marketing di Macron a Palco23. Quando il manager è arrivato nel 2011, la società italiana aveva solo 29 squadre di calcio. Oggi ci sono più di settanta club, distribuiti tra i principali campionati europei, come SS Lazio, OGC Nice, Sporting Club de Portugal e Hannover ’96. A questi dobbiamo aggiungere le squadre di rugby di Scozia, Italia e Germania, tra le altre squadre e competizioni.

Tuttavia, il direttore del marchio italiano ammette che una delle proposte per i prossimi anni è quella di diversificare la divisione di sponsorizzazione e coprire altre discipline per rafforzare la sua presenza in mercati strategici come quelli inglesi e spagnoli (Cricket, Basket, Rugby).

Queste tre discipline sono quelle che forniscono il più alto volume di vendite dietro il calcio, che rappresenta il 75% del totale del gruppo, che ha chiuso l’anno fiscale 2018 con un fatturato di 100 milioni di euro. Per il 2019, si spera di aumentare le vendite del 14,5% di pari passo con le sponsorizzazioni calcistiche.

I piani della società Macron non solo attraversano il mercato europeo, ma negli ultimi anni si stanno dirigendo verso altri continenti, difatti ha recentemente annunciato il suo impegno per il campionato di calcio canadese e spera di ottenere una presenza in America Latina dopo il consolidamento in Cile. È il prossimo passo di un’espansione che li ha già portati in appena un decennio e mezzo per ottenere il 100% del loro fatturato dall’Italia per diventare un marchio globale.