banner Serie A (Photo Cesare Purini / Insidefoto)

La ripartenza del calcio giocato e degli altri sport dopo l’emergenza Coronavirus ha dato il là anche a un prepotente ritorno alla fruizione di contenuti in streaming. Stando allo studio Return of Sport in the Time of Coronavirus di Conviva, lo sport in streaming ha raggiunto livelli superiori a quelli precedenti all’emergenza.

A partire da giugno, i contenuti sportivi hanno superato la quota del 30% dello streaming totale, un dato tipico del periodo pre-Covid. Lo streaming non è stato comunque l’unico mezzo utilizzato dai tifosi, con i social media che hanno goduto di una spinta importante grazie ai tentativi dei club di rimanere in contatto con i propri tifosi.

Le interazioni sono cresciute mediamente del 30% in tutte le squadre, compresi gli account delle leghe, con il confronto per Bundesliga, Liga, Premier League e Serie A che riguarda la seconda metà di giugno rispetto alla prima metà del mese. Nello stesso periodo, le visualizzazioni dei video sono aumentate dell’82%, i video pubblicati sono aumentati del 31% e i post sono aumentati del 55%.

La Serie A si posiziona davanti a tutti a giugno, essendo tornata a giocare solo il 20 del mese, poiché le squadre hanno pubblicato il 117% in più di post e il 68% in più di video in media. Ciò si è tradotto in un aumento del 289% delle visualizzazioni e in un aumento del 63% delle interazioni per la lega.

La Premier League si è classificata seconda nella classifica di Conviva, con la massima serie inglese che ha registrato il secondo maggior aumento nella frequenza di pubblicazione, con i club che hanno aumentato i loro post del 61% e video in media del 40%. Ciò si è tradotto in un aumento del 33% delle visualizzazioni e in un aumento del 21% delle interazioni.