Neymar causa Barcellona
(Photo by SASCHA SCHURMANN/AFP via Getty Images)

Il TAS (Tribunale Arbitrale dello Sport) ha respinto l’appello presentato dal Santos alla FIFA in cui il club brasiliano ha richiesto un risarcimento danni per 61.295.000 euro al Barcellona – e le relative sanzioni sportive – in relazione al trasferimento di Neymar dal club brasiliano a quello spagnolo nel 2013.

«Il TAS – spiega il club blaugrana in una nota – ritiene che il contratto tra il Santos e il giocatore sia stato concluso di comune accordo e che il Barcellona non abbia violato alcun accordo di trasferimento quando ha pagato una somma aggiuntiva al padre del giocatore e alla società N&N».

Inoltre, è stato rilevato che «il Barcellona non si è comportato in modo fraudolento quando ha fatto firmare un pre-contratto a Neymar né quando ha firmato un accordo per il trasferimento con il Santos», si legge ancora nel comunicato.

Da qui la decisione del Tribunale di respingere il ricorso della società brasiliana. Il verdetto del TAS, inoltre, obbliga il Santos a pagare anche le spese legali sostenute dal Barcellona, una cifra pari a 20 mila franchi svizzeri.