Una telecamera allo stadio (Photo by Marco Rosi/Getty Images)

Diritti tv Serie A – Entra nel vivo la corsa per i diritti televisivi pluriennali della Serie A. Secondo quanto riporta MF-Milano Finanza, otto fondi e una banca sono interessati ad affiancare la Lega nella creazione di una media company per commercializzare i diritti tv e valorizzare il brand della Serie A, in Italia e nel mondo. Ad Advent, Bain, Cvc, Kkr, Blackstone, Fsi e Cinven si sono aggiunti gli americani di Texas Pacific Group (Tpg).
Bank of America, inoltre, starebbe valutando di entrare nella partita, anche se non è ancora chiaro con quali modalità.

Per valutare queste ed eventuali altre offerte, ieri la Lega Serie A ha nominato Lazard advisor finanziario dell’operazione. La banca d’affari affiancherà l’associazione dei venti club di Serie A soprattutto nel confronto con i fondi di investimento interessati a entrare in partnership nella media company.

Martedì l’assemblea di Lega ha dato il mandato al presidente, Paolo Dal Pino, per proseguire il dialogo con i fondi interessati, in modo da ottenere proposte concrete entro la fine di luglio. L’obiettivo è comunque quello di discutere tutte le ipotesi alternative, che siano basate però su numeri e business plan, considerando che finora, complice l’esclusiva concessa a CVC, la Lega Serie A non ha ricevuto offerte dettagliate da parte di altri fondi.

Il fondo inglese aveva già messo sul piatto 2,2 miliardi per il 20% della media company in cui sarebbero confluiti i diritti tv per i prossimi dieci anni, ma la sua esclusiva è scaduta senza esito il 26 giugno. Stando alle indiscrezioni, poi, Bain Capital avrebbe pronta una proposta da 3 miliardi per la newco, mentre Advent starebbe monitorando l’operazione valutando il calcio italiano circa 13 miliardi.