nike addio donald blair

Nike effetti Coronavirus – Pesa anche sui conti di Nike l’emergenza Coronavirus. L’azienda statunitense ha fatto registrare perdite nell’ultimo trimestre 2019/20 per 790 milioni di dollari, nonostante un aumento del 75% delle vendite online. La notizia è arrivata nel giorno in cui Nike ha annunciato la volontà di ridurre la sua forza lavoro.

Il colosso dell’abbigliamento sportivo con sede nell’Oregon ha visto per la prima volta l’e-commerce superare il 30% delle sue entrate totali, dato che un maggior numero di consumatori ha fatto acquisti da casa, ma la crescita non è stata sufficiente ad arginare le perdite complessive nel trimestre terminato a maggio.

Perdite che, se confrontate con i profitti ottenuti nello stesso periodo nel 2018/19 (989 milioni di dollari), danno la misura dell’impatto economico della pandemia. A marzo, infatti, Nike è stata costretta a chiudere circa il 90% dei suoi punti vendita fisici nei mercati chiave di tutto il Nord America, Asia, Europa occidentale e Australia. La scorsa settimana, la società ha affermato che la maggior parte di questi negozi è stata riaperta, compresi quasi tutti i suoi punti vendita nella Cina continentale.

La società ha realizzato un profitto di 2,5 miliardi di dollari nell’esercizio chiuso a maggio, in calo rispetto agli oltre 4 miliardi di dollari dell’anno precedente. I ricavi complessivi per il quarto trimestre 2020 sono stati pari a 6,3 miliardi di dollari, in calo del 38% rispetto ai 10,1 miliardi di dollari nello stesso trimestre del 2019. Nel frattempo, i ricavi dalle vendite annuali sono scesi a 37,4 miliardi di dollari, in calo rispetto ai 39,1 miliardi di dollari dell’anno fiscale 2019.

La perdita per 790 milioni di dollari rappresenta – secondo Bloombergil peggior trimestre del marchio dal 2013. «In un ambiente altamente dinamico, il marchio Nike continua ad essere forte tra i consumatori di tutto il mondo mentre la nostra attività digitale accelera in ogni mercato», ha dichiarato John Donahoe, presidente e amministratore delegato di Nike.

«Siamo in una posizione unica per crescere e ora è il momento di sfruttare i punti di forza e le capacità distintive di Nike. Stiamo continuando a investire nelle nostre maggiori opportunità, incluso un mercato digitale più connesso, per estendere la nostra leadership e alimentare la crescita a lungo termine», ha concluso.