(Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images for Lega Serie B)

E’ un vero e proprio ciclone quello che si abbatte sul Livorno. La formazione di Serie B è attualmente ultima in classifica e dopo la sconfitta casalinga contro il Venezia (2-0) le chance di salvezza sono ridotte ai minimi termini.

Per questo motivo – scrive la Gazzetta dello Sport –, il club toscano ha deciso di non prorogare per il resto della stagione i contratti dei giocatori in scadenza e di quelli in prestito, per un totale di 18 elementi: anche nomi importanti come quelli di Matias Silvestre, Federico Viviani e Manuel Marras, il capocannoniere degli amaranto in questa stagione con 8 reti.

Il 30 giugno è infatti la data in cui è fissata la scadenza dei contratti dei calciatori. A causa del lockdown ci sono ancora 7 giornate di Serie B da portare a termine, ma per l’allenatore Antonio Filippini sarà complicato: con pochi giocatori a disposizione dovrà necessariamente attingere alle giovanili.

Appreso da alcuni organi di stampa di questa situazione, l’ANSA scrive che la Procura federale della FIGC ha aperto un procedimento di indagine per accertare il comportamento della società e del presidente Aldo Spinelli.

Il procedimento del procuratore Giuseppe Chinè vuole accertare l’eventuale violazione dei principi di lealtà e correttezza sportiva nonché delle pertinenti norme delle Noif, anche nell’ottica di garantire la regolare prosecuzione del campionato di Serie B.