(Photo by Marco Rosi/Getty Images)

Il Consiglio Federale ha dato delle indicazioni per le possibili date della prossima stagione. La Serie A 2020/21 dovrebbe avere il semaforo verde il 12 o al massimo il 19 settembre 2020. Una pausa di circa 40 giorni per i calciatori della massima serie, esclusi coloro che dovranno giocare le coppe europee nel mese di agosto e con l’incognita Nations League.

Si tratta ovviamente di ipotesi, dato che non è ancora stato dato il via libera definitivo alla ripresa della stagione 2019/20. Il vertice decisivo – scrive La Gazzetta dello Sport – sarà quello annunciato dal ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, per il 28 maggio.

Il comunicato finale del Consiglio Federale indica un possibile percorso per concludere i campionati con il termine del 20 agosto (e il 31 agosto per la stagione). Per quanto riguarda la Serie A si cercherà di ottenere una deroga dal governo per la norma che vieta di poter giocare fino al 14 giugno, disputando il primo turno della ripresa il weekend del 13 e terminando il campionato il 2 agosto.

In questo modo verrebbe anche rispettato il limite temporale raccomandato dalla UEFA, che si è comunque mostrata flessibile. Il massimo organismo calcistico europeo non considera il traguardo del 2 agosto come perentorio, ma ci potranno essere al massimo due date in più del previsto (fino al 9 agosto), non di più, perché il 29 le coppe dovranno per forza concludersi.

PrecedenteNodo stipendi, per i giocatori solo tre mensilità fino a ottobre
SuccessivoIl nuovo protocollo dà speranze alla Serie B sulla ripresa