Malagò aiuti calcio
(Photo by Philippe LOPEZ / AFP) (Photo credit should read PHILIPPE LOPEZ/AFP via Getty Images)

Lunga intervista del presidente del CONI, Giovanni Malagò, che a La Gazzetta dello Sport ha parlato dell’ipotesi di ripartenza del calcio e di tutti i problemi che il sistema sta portando con sé.

«Ribadisco quanto vado dicendo dall’ inizio del Covid 19. In Italia ci sono almeno 15 sport di squadra. A torto o a ragione tutti, nel giro di poche settimane, hanno chiuso i battenti e deciso di non assegnare gli scudetti. Il calcio, un po’ perché è un mondo a parte e un po’ per interessi economici, ha voluto continuare la sua partita e chiudere i campionati», ha esordito Malagò.

«È un suo diritto – ha aggiunto – e un dovere: conosco le carte, le deleghe, l’autonomia della FIGC e il rimando della Federazione alla Lega dell’organizzazione dei campionati. E dico, bene, benissimo: sono il primo a fare il tifo perché il calcio riprenda».

«Ma dopo pochi giorni alla parola calcio si è sostituita la parola Serie A. Dilettanti e Lega Pro, hanno capito abbastanza presto che con certe dinamiche di protocollo non erano in condizioni di riprendere. La Serie B ha votato da poco per ricominciare. Da mesi insisto: puntiamo a ripartire ma non essendo possibile fare previsioni di lunga scadenza, deve esistere anche un piano B. Non averlo è un errore», ha spiegato.

Nel frattempo, è ripartita la Bundesliga: «In Germania ci sono leggi diverse, un sistema sanitario diverso. I calciatori non hanno la nostra stessa dinamica giuslavoristica. Stesso discorso per i medici. Le componenti da noi fanno parte tutte del sistema federale, lì no. Un signore cinese o americano in Germania non può comprare il 51 per cento di un club. Non paragoniamo realtà diverse».

Sulla possibilità di introdurre playoff e playout: «Lo leggo, ma mi risulta che non tutti siano d’accordo. Voglio sia chiaro che il CONI ha solo interesse se il calcio, o meglio la Serie A, riesce a risolvere i problemi. Le mie non sono invasioni di campo come qualcuno le ha definite: ho un atteggiamento propositivo, non critico».

Tra le battaglie in corso, anche quella tra la Lega Serie A e i broadcaster: «Mi limito a dire che se finisci in tribunale si rischiano tempi lunghissimi e che alla fine restino scontenti tutti. Andare in giudizio è un diritto ma rappresenta una sconfitta del sistema».

Malagò parla di un «sistema condizionato dai diritti tv. L’ unica alternativa è avere anche altri ricavi dagli stadi e dal loro utilizzo moderno. Per rifare tutti gli stadi insieme in un Paese ci sono solo tre possibilità: organizzare un Mondiale di calcio e sa va bene se ne riparla nel 2030, organizzare un campionato europeo o le Olimpiadi estive, perché si gioca anche al calcio maschile e femminile».

Malagò dice la sua anche sul taglio degli stipendi: «Capisco le esigenze delle società, ma come affronti questo argomento se fino a metà marzo i giocatori hanno giocato, ad aprile dovevano essere a disposizione, a maggio si allenano e a giugno, luglio e agosto devono giocare? C’era la volontà da parte delle categorie di trovare un accordo, ora ognuno va a alla spicciolata: chi strappa un mese, chi due. Non c’è stata programmazione».

Chiusura dedicata al calcio del futuro: «Il calcio dovrebbe approfittare di ciò che è accaduto per studiare quelle riforme strutturali indispensabili per avere prospettive diverse rispetto alle attuali. Ci sono problemi sotto gli occhi di tutti che vanno risolti. Now o never more. Ora o mai più».