Sassuolo Brescia Sky o DAZN
(Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Un giocatore di calcio passa in media un minuto e mezzo a partita e un massimo di 11 minuti vicino a un altro giocatore infetto da coronavirus o con COVID-19. È il risultato condotto da ricercatori dell’università di Aarhus, in Danimarca, basato sul movimento dei calciatori professionisti studiato in 14 partite della Super League, il campionato danese.

Nel loro studio, i ricercatori Nikolas S. Knudsen e Manuel M. Thomasen hanno utilizzato la loro esperienza con i dati della Super League e le analisi dei giocatori di calcio (analisi spazio-temporali) per creare una panoramica di come i giocatori si muovono in campo l’uno rispetto all’altro, riporta Videnskab.dk.

Il terzo autore dello studio, il professore associato Thomas Bull Andersen, spiega che hanno “giocato” in modo che un giocatore fosse infetto e poi hanno analizzato quando e per quanto gli altri giocatori si trovavano nel raggio di un metro e mezzo dall’infetto, partendo dal presupposto che le distanze per il contagio sia di un metro e mezzo circa con un tempo minimo di contatti per 15 minuti. “Il tempo minimo per essere a rischio contagio è di 15 minuti”, ha spiegato anche il commissario per l’emergenza in Italia Domenico Arcuri nei giorni scorsi.

I calcoli mostrano che i giocatori rimangono entro la distanza di infezione tra 0 e 657 secondi – poco meno di 11 minuti – durante una partita. La media è pari a 1 minuto e 28 secondi. L’esposizione cambia ovviamente in base al ruolo in campo, con differenza ad esempio tra un portiere e un attaccante.

“Ma la cosa importante per noi qui è stata quella di trovare una figura concreta, che può quindi essere ulteriormente discussa invece di discutere sulla base di presunzioni o sulla base di come la popolazione si muove in altre parti della società. I giocatori di calcio vogliono iniziare a giocare e qualcuno deve decidere se è necessario. Allora forse questo può essere usato ora”, ha commentato Thomas Bull Andersen.

“Il National Board of Health si aspetta che tu sia a meno di 2 metri da una persona infetta per più di 15 minuti prima di considerarlo un contatto rilevante. Quindi non c’è dubbio che il tempo indicato nello studio non è critico, e non lo è affatto quando si gioca a calcio all’aperto”, afferma il profossore Allan Randrup Thomsen del Dipartimento di Immunologia e Microbiologia dell’Università di Copenaghen, che non ha partecipato allo studio.

1 COMMENTO