Commisso club italiani ceduti
Rocco Commisso, patron della Fiorentina (Foto Giuliano Marchisciano/Insidefoto)

Riassetto delle controllate per la Fiorentina, che ha deciso di incorporare le sue tre società collegate all’interno della capogruppo Acf Fiorentina SpA.

Lo scorso 12 marzo infatti sono stati aapprovati da parte dei Consigli di Amministrazione delle Società del Gruppo ACF i progetti di fusione per incorporazione in ACF Fiorentina S.p.A. delle società Fiorentina Women’s FC S.S.D. a r.l., Firenze Viola S.r.l. e Promesse Viola S.r.l. Si tratta, rispettivamente, delle società che gestivano la squadra femminile, il settore marketing e il settore giovanile del club toscano.

Una scelta voluta dalla nuova proprietà di Rocco Commisso, la cui era a Firenze è iniziata ufficialmente lo scorso 6 giugno. L’incorporazione “ha come obiettivo principale l’incremento dell’efficacia e dell’efficienza nella gestione delle attività svolte dalle Società, mediante lo sfruttamento delle sinergie potenziali derivanti dall’accentramento dei business in un unico soggetto, l’accorciamento della catena di controllo e la conseguente semplificazione dei processi e delle attività amministrative e societarie”, si legge nel verbale dell’assemblea dello scorso 12 marzo.

Inoltre, la nuova proprietà ha scelto anche di spostare la chiusura del bilancio dal 31 dicembre al 30 giugno, legandolo quindi alla stagione sportiva invece che all’anno solare: tra le varie modifiche che seguiranno la fusione delle società, infatti, è presente anche “la variazione del termine di chiusura dell’esercizio sociale (dal 31 dicembre al 30 giugno)”.