dove vedere Fiorentina-Sassuolo Tv streaming
Dalbert, Chiesa e Pulgar della Fiorentina (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Chiude in rosso il bilancio civilistico al 31 dicembre 2019 della Fiorentina, il primo ufficialmente firmato dalla nuova proprietà Commisso, che ha acquistato il club dai Della Valle lo scorso 6 giugno. L’esercizio si è chiuso infatti con una perdita di 27,6 milioni di euro, in aumento dai 14,5 milioni del bilancio al 31 dicembre 2018.

Si tratta di dati relativi quindi solo alla capogruppo Acf Fiorentina SpA: non sono considerati i conti delle controllate Firenze Viola, Promesse Viola e Fiorentina Women, che nel bilancio 2018 hanno contribuito con circa 6 milioni di ricavi e 3 milioni di costi.

I ricavi della Fiorentina sono stati quindi pari a 105,4 milioni di euro, contro i 104,1 milioni del bilancio 2018: la voce maggiore è relativa ai diritti tv (53,6 milioni), a seguire le plusvalenze (12,3 milioni) e i ricavi da sponsorizzazioni (11 milioni).

Tra i costi, pari a 139 milioni (124,6 milioni nel 2018), quasi la metà viene assorbita dai costi del personale (62,4 milioni di cui 57,6 milioni per salari e stipendi), con ammortamenti relativi ai cartellini dei giocatori pari a 35 milioni di euro.

Il risultato netto è stato così negativo per 27,6 milioni di euro, contro il -14,5 milioni del 2018: una perdita coperta con l’utilizzo delle riserve, che al 31 dicembre 2018 erano pari a 76,5 milioni di euro.