Svalutazione calciatori: CIES vs Transgfermarkt
Erling Haaland (Photo by Stuart Franklin/Bongarts/Getty Images)

Svalutazione calciatori: CIES vs Transfermarkt – L’emergenza dovuta alla pandemia da Covid-19 sta fortemente influenzando l’economia, e tra i vari settori interessati, l’industria sportiva risulta essere tra le più colpite.

In particolare il calcio, il motore dell’economia dello sport, ne risentirà anche attraverso una progressiva svalutazione dei calciatori, che colpiranno a cascata il valore dei club e delle leghe europee.

In riferimento alle pubblicazioni dell’osservatorio del CIES e del noto sito tedesco Transfermarkt, si è proceduto ad effettuare un’analisi comparativa tra le due tipologie di valutazioni, per evidenziare le differenti metodologie di stima, e le conseguenti differenze di svalutazione.

Secondo l’osservatorio del CIES, tra le “big five” delle leghe europee, la crisi economica legata alla pandemia di Covid-19 potrebbe generale una svalutazione delle rose del 28%, passando da 32,7 a 23,4 miliardi di euro di valore.

Se il CIES si attende una perdita di valore dei calciatori di 9,3 miliardi totali, Transfermarkt non si allontana molto da questa stima, indicando come le svalutazioni totali ammontino a 9 miliardi di euro.

Svalutazione calciatori e conseguenti ripercussioni su club e leghe

La pandemia da Covid-19 sta avendo forti ripercussioni sul valore di mercato dei calciatori; di conseguenza ne risentiranno i rispettivi club, che a fronte del down valoriale dei propri tesserati, potrebbero avere difficoltà ad effettuare operazioni di mercato in uscita senza subire perdite rispetto ai valori di carico dei calciatori a bilancio.

L’algoritmo utilizzato dal CIES Football Observatory, che tiene conto di numerosi parametri, ha valutato una diminuzione in media pari al 28% del valore dei giocatori.

Transfermarkt, le cui “stime” si basano invece su un forte coinvolgimento della community, fulcro delle valutazioni dei singoli calciatori, indica come ordine di svalutazione dei calciatori il 20%, e parla di un 10% per i più giovani (nati dopo il 1998).

Tali differenti metodologie di valutazione dei calciatori, portano conseguentemente a diverse attribuzioni di valore per le rose dei singoli club e per le leghe europee.

In generale, sia CIES sia Transfermarkt, stimano una diminuzione maggiore del valore del parco giocatori per i top club del calcio europeo, che sono quelli ad avere in rosa i giocatori di maggior valore.

Le due inglesi Liverpool e Manchester City sono i club nella cui rosa figurano i calciatori di maggior valore, seguiti dalle spagnole Real Madrid e Barcellona.

Tutti questi club hanno un valore della rosa superiore al miliardo di euro. Valore che, a causa dell’emergenza Covid-19, rischia di scendere sotto tale soglia.

Stesso discorso per le “Big Five Leagues” il cui valore aggregato delle rose subirà una netta contrazione proprio sulla base delle svalutazioni delle rose dei propri club.

Le due analisi prese in considerazione, sulla base delle differenti metodologie di stima, portano a conseguenti convergenze di risultati, che verranno messi a confronto attraverso un’analisi comparativa.

Svalutazione calciatori: analisi comparata tra CIES e Transfermarkt

CIES Football Observatory e Transfermarkt, attraverso l’utilizzo di variabili e criteri di valutazione differenti, attribuiscono valori a calciatori, e indirettamente a club e leghe, che spesso differiscono tra loro.

A partire dalle classifiche dei calciatori più preziosi, si notano molte differenze sia a livello di valore di mercato che di posizionamento in graduatoria.

Ad esempio, il giocatore con il più alto valore di mercato risulta essere per entrambi Kylian Mbappé, ma con valutazioni differenti.

Se su Transfermarkt il valore di Mbappé era 200 milioni (sceso a 180 milioni l’8 aprile per il 10% di svalutazione), l’indicazione del CIES (risalente all’11 marzo e quindi non sottoposta a svalutazione) riporta una valutazione di mercato dell’attaccante francese di 265 milioni. E così via continuando a scendere nella speciale classifica, con valori e posizioni differenti a seconda del meccanismo utilizzato.

Svalutazione calciatori: focus sui top club

A loro volta i club delle principali leghe europee, in base al valore dei calciatori in rosa, presenteranno diverse stime di valutazione.

Differenti attribuzioni di valori primordiali, seguiti da diverse metodologie di svalutazione calciatori, portano conseguentemente a risultati eterogenei. Sia in diminuzione percentuale che in svalutazione assoluta, esistono numerose differenza tra i risultati forniti da CIES e Transfermarkt.

Analizzando i due club con più valore per ognuno dei 5 principali campionati, possiamo notare le numerose divergenze tra le due diverse tipologie di analisi riportate in tabella.

Svalutazione calciatori: l'impatto della pandemia di Covid-19 sulle rose dei top club europei
Svalutazione calciatori: l’impatto della pandemia di Covid-19 sulle rose dei top club europei

Si può notare come vi siano differenti valori prima e dopo la svalutazione, e il variare della percentuale di perdita per ogni singolo club.

Il Valore pre-svalutazione è sempre più elevato nelle valutazioni del CIES, meno che in due casi: Bayern Monaco e PSG, dove i valori di Transfermarkt risultano essere superiori.

Le percentuali di svalutazione risultano sempre maggiori per l’osservatorio svizzero, con conseguenti maggior diminuzioni del valore attuale dei club.

Infatti, tranne che per i 2 casi del Liverpool e dell’Olympique Lione (le due squadre rispettivamente con maggior e minor valore), per il resto la valutazione del sito tedesco risulta essere sempre superiore.

Da notare la minor percentuale di svalutazione del Borussia Dortmund da parte di Transfermarkt, che, come già detto in precedenza, svaluta in percentuale minore i calciatori più giovani.

La presenza di due giovanissimi campioni del valore di Sancho e Haaland, e l’età media più bassa della rosa del Dortmund, fanno sì che vi sia attribuita una minor percentuale di perdita.

Svalutazione calciatori: i dati delle Big 5 Leagues

I valori e le successive svalutazioni delle “BIG – 5 LEAGUES”, risultano anch’esse differenti rispetto alle diverse metodologie di stima utilizzate da CIES e Transfermarkt.

Se le posizioni in classifica delle leghe risultano invariate tra le due analisi, torniamo a ribadire come, le differenti metodologie applicate per i propri studi, diano risultati diversi in termini di valutazione, e in questo caso eccezionale anche di perdita.

Svalutazione calciatori nelle Big 5 Leagues: CIES vs Transfermarkt
Svalutazione calciatori nelle Big 5 Leagues

I dati CIES sono in linea con le valutazioni di Transfermarkt, in termini di classifica, ma differiscono di molto nelle svalutazioni percentuali.

Svalutazione calciatori nelle Big 5 Leagues: l'impatto della pandemia di Covid-19
Svalutazione calciatori nelle Big 5 Leagues: l’impatto della pandemia di Covid-19

Come possiamo notare, i valori iniziali forniti da CIES risultano essere più elevati, ma la successiva percentuale maggiore di svalutazione, porta le valutazioni attuali del CIES ad essere addirittura inferiori a quelle stimate dal sito tedesco.

Svalutazione calciatori – Conclusioni

Le due società di analisi prese in considerazione, che basano i propri studi su parametri differenti tra loro, risultano essere il punto di riferimento di molti professionisti del settore, e allo stesso tempo di appassionati al mondo del calcio, i quali riescono a trarre vantaggi considerevoli da tali studi.

Le differenze evidenziate nell’analisi comparata, dimostrano come possano essere stimati in modo diverso i valori economici del sistema calcio. Esiste un metodo giusto o sbagliato? Di certo sarà migliore quello che si avvicinerà di più alla realtà, ai valori reali del mercato calcistico.

Articolo a cura di Marco De Nardis