Juventus riapertura stadio
(photo Getty)

Prosegue la risalita dei titoli dei club di calcio in Borsa, dopo il crollo legato all’emergenza Coronavirus. In particolare è tornato a salire il valore delle azioni di Juventus e Lazio, che si sta per riavvicinare alle quote pre-pandemia.

Il titolo del club bianconero ha chiuso ancora con il segno positivo, concludendo la giornata di oggi a +4,12% a 1,0050 euro per azione, tornando a superare così quota 1 euro per azione. Dal 12 marzo, in cui aveva toccato la quota minima di 0,545 euro per azione (ma così in basso addirittura dal 2017), il titolo è risalito dell’84% fino ad oggi: lontano ancora dal valore di 1,2430 euro del 12 febbraio, da cui è cominciato il crollo legato al Coronavirus. Nello stesso periodo (12 marzo-23 aprile), il FTSE Italia Mid Cap, di cui fa parte il titolo della Juventus, ha recuperato il 17,4%. 

La Lazio, invece, ha toccato la sua quota minima il 19 marzo, a 0,772 euro per azione: da lì, è risalita del 65%, chiudendo la giornata di oggi a quota 1,274 euro per azione, con un +5,81% nella sola giornata odierna. Il picco pre-crisi, invece, era a quota 2,000 euro per azione, toccato il 17 febbraio scorso. Nello stesso periodo (19 marzo-23 aprile), il FTSE Italia Small Cap, di cui fa parte il titolo della Lazio, ha recuperato il 19,5%.

Più in linea con il rendimento del proprio indice di riferimento invece la Roma, il cui andamento può essere in parte legato allo stop della trattativa tra James Pallotta e Dan Friedkin per il passaggio delle quote di maggioranza del club. Dal 17 marzo in cui aveva toccato quota 0,340 euro per azione, il titolo della società giallorossa è cresciuto del 19,1% a 0,405 euro per azione (oggi -1,10%): l FTSE Italia Mid Cap, di cui fa parte il titolo della Roma, nello stesso periodo ha recuperato il 19,9%.