Vincenzo Spadafora, ministro dello sport (Foto Samantha Zucchi Insidefoto)

“Siamo consapevoli che dobbiamo riaprire perché lo sport è importante come valore economico e sociale, ma lo faremo nel rispetto assoluto della salute di tutti. Quindi gradualmente potremo sicuramente pensare di riaprire tutta la parte che riguarda gli allenamenti, mentre per i campionati e per quello che riguarda l’attività motoria all’aperto valuteremo insieme al Comitato Tecnico Scientifico e alla Protezione Civile, consapevoli che questa riapertura vada assolutamente spinta ma nella tutela della salute di tutti i cittadini italiani”. Lo ha dichiarato il ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora rispondendo al Senato all’interrogazione sulla ripresa delle attività sportive professionistiche e dilettantistiche.

“Ho inviato al Coni e al Cip una lettera per chiedere che tutte le federazioni esprimano in che modo e’ possibile applicare i protocolli sanitari per riprendere le attività sportive in sicurezza – ha aggiunto Spadafora – Venerdì riceverò gli esiti di questo lavoro, mentre oggi incontrerò tutti i rappresentanti della Figc. Tutti questi lavori ci consentiranno di valutare prima del 4 maggio se saremo in grado di ripartire”.