Champions partite in chiaro

La UEFA continua a lavorare per programmare l’ultima parte del calendario delle sue competizioni per club nella stagione 2019/20. L’obiettivo – in base all’evoluzione dell’emergenza Coronavirus – resta quello di portare a termine le competizioni, modellandole sulla base delle esigenze.

Stando a quanto riportato da “Cadena Ser”, sarà il Comitato Esecutivo UEFA a decidere il programma delle competizioni europee, qualora queste dovessero effettivamente riprendere. Tutto ciò che arriva dalla FIFA è indicativo, ma non vincolante.

“Cadena Ser” sottolinea che – stando a fonti UEFA –, dopo l’incontro con le 55 Federazioni affiliate la Champions League potrebbe essere portata a termine con undici partite a porte chiuse. Si tratterebbe di quattro ottavi di finale, quattro quarti, due semifinali e la finale.

In pratica, terminati gli ottavi, sia i quarti di finale che le semifinali si disputerebbero in gara unica tra la fine di luglio e il mese di agosto. Tutto ciò dovrebbe avere comunque l’approvazione dell’Unione europea.

Il 3 agosto è la scadenza per le Federazioni per comunicare alla UEFA le squadre partecipanti alla prossima edizione della Champions League e della Europa League. Se una federazione non avrà inviato la comunicazione, la UEFA deciderà in solitaria.