Premier League sponsor betting
(Photo by Warren Little/Getty Images)

Il Regno Unito è la patria dei bookmakers, scommettere su eventi di ogni tipo è lo sport preferito dei sudditi di Sua Maestà. E la Premier League, il torneo di calcio più ricco del pianeta, non poteva certamente chiudere le casse davanti alla possibilità di ricevere milioni di sterline dalle tante società di betting che operano in UK.

Contrariamente a quanto accade in Italia (il divieto per le squadre di poter essere sponsorizzate da agenzie di scommesse è stato introdotto il 15 luglio 2019), nel Regno Unito non ci sono restrizioni ed anzi sembra che il binomio club-betting sia quasi un must.

Diciannove club su venti (solo Il Brighton & Hove Albion è fuori dalla lista), infatti, hanno a bilancio ricavi derivanti da accordi con i principali gruppi di scommesse.

Ecco nel dettaglio la speciale classifica dei primi dieci club della Premier League che hanno accordi commerciali con le società di betting in base agli introiti derivanti da tali contratti:

  • West Ham United – Betway – £11.6 milioni
  • Everton – SportPesa – £10 milioni
  • Wolverhampton – MaxBetX -£8 milioni
  • Burnley – LoveBet – £7.5 milioni
  • Crystal Palace – ManBetX – £6.5 milioni
  • Newcastle United – FUN888 – £6.5 milioni
  • Watford – SportsBet.io – £6.5 milioni
  • Aston Villa – W88 – £6 milioni
  • Bournemouth – M88 – £5 milioni
  • Norwich – DafaBet – £3 milioni

Le venti società della Premier League hanno siglato sponsorizzazioni totali “di maglia” per la stagione in corso pari £349.1 milioni, con un incremento del 10% rispetto alla stagione 2018/19.

Il ricorso alle società di betting è molto forte anche nella Championship (la serie B inglese). Qui sono 17 (su 24) i club che hanno sposato un’agenzia di scommesse.