Jaume Roures Ceo di Mediapro e il dg di Mediapro France, Julien Bergeaud (Photo by FRANCK FIFE/AFP via Getty Images)

Nel mezzo di una crisi economica senza precedenti dovuta al coronavirus, Jaume Roures, presidente di Mediapro, canale che ha acquisito i diritti della Ligue 1 per le prossime quattro stagioni per 780 milioni di euro l’anno, ha confermato a L’Equipe che Mediapro è pronto per trasmettere il campionato francese fino al termine della stagione. Canal Plus France e BeIN Sports, che detenevano i diritti per questa stagione, si sono rifiutati di pagare gli importi rimanenti relativi a tali diritti finché non si riprende la competizione e Mediapro ha potuto approfittare della situazione.

“La decisione di Canal Plus e BeIN Sports è sbagliata. Ci sono partite che sono già stati disputate e perciò dovrebbero essere pagate e la situazione attuale richiede sforzi da tutte le parti. Non capisco come Nasser Al-Khelaïfi (presidente del gruppo BeIN Media e del PSG) dirige un negoziazione in cui è una parte interessata”, ha detto Roures nell’intervista a L’Equipe.

Sull’atteggiamento di Al-Khelaïfi: “È incomprensibile. L’atteggiamento di BeIN Sports e Canal Plus è lo stesso di quello del presidente del PSG. Esiste un’alleanza tra BeIN e Canal Plus France in cui nessuno dei due paga. È incredibile e ridicolo ”

Se esiste un conflitto di interessi per Al-Khelaïfi: “Certo. In questa situazione tutti devono aiutare. Se ci fosse un contratto in buona fede, avrebbero pagato i soldi rimanenti ai club. Dobbiamo aiutare i club e la Ligue 1 a superare questa situazione”.

Se Mediapro è pronto ad affrontare la situazione: “Certo. Sono pronto a subentrare immediatamente. È l’atteggiamento che noi di Mediapro abbiamo nella Liga spagnola. Lavoriamo insieme e ci aiutiamo a vicenda. Mediapro ha continuato a pagare la Liga e la Liga ha pagato per la produzione che abbiamo fatto”

Per finire, Roures ha annunciato l’intenzione di creare un canale nei prossimi due mesi, trasmettendo così la fine della Ligue 1.