dove vedere NFL
Patrick Mahomes, quarterback dei Kansas City Chiefs durante l'ultimo Superbowl (Photo by ANGELA WEISS/AFP via Getty Images)

Donazione NFL per il coronavirus – La National Football League ha annunciato oggi che, in collaborazione con la National Football League Players Association, club, proprietari e giocatori, sono stati finora donati oltre 35 milioni di dollari, di cui 3,4 milioni dalla Fondazione NFL come parte delle iniziative di soccorso per l’emergenza COVID-19.

“Siamo stati tutti colpiti dalla pandemia del COVID-19. Ora più che mai, dobbiamo unirci per restare a casa e rimanere forti”, ha dichiarato il commissario NFL Roger Goodell. “La NFL continuerà a trovare modi per fornire il proprio supporto in modo da poter superare insieme questo periodo di incertezza”.

Oltre a queste donazioni, la famiglia NFL si è unita alla campagna #StayHomeStayStrong per contribuire a limitare la diffusione di COVID-19 in tutto il paese. Come parte di quest’iniziativa, oltre 50 giocatori, allenatori e leggende della NFL si sono uniti per creare un video-annuncio da condividere con i fan per incoraggiarli a rimanere a casa e dimostrare la loro vicinanza.

La lega ha anche lanciato un’iniziativa in tutto il paese, la #NFLPLAY60 con la quale invita tutti i cittadini americani ad eseguire una seduta di allenamento di 60 minuti ogni giorno insieme ai giocatori della NFL. La scorsa settimana, la NFL ha anche reso disponibili una serie di risorse digitali gratuite per l’apprendimento e il benessere di studenti, genitori e insegnanti collaborando con associazioni di beneficenza come l’American Heart Association e United Way.

Dalla fine di gennaio, la NFL ha organizzato più aste per raccogliere fondi a beneficio della Fondazione CDC e dell’Organizzazione mondiale della sanità, prima per gli sforzi specifici in Cina e ora per combattere l’emergenza negli Stati Uniti. I fan possono fare offerte per cimeli ed oggetti speciali autografati e utilizzati dai giocatori.

Durante questa emergenza globale, la NFL continua a coordinarsi da vicino con tutte e 32 le squadre, le autorità della sanità pubblica e i partner della lega per trovare ulteriori opportunità per offrire supporto a coloro che ne hanno maggiormente bisogno durante questo periodo.