dove vedere Milan-Genoa Tv streaming
Gianluigi Donnarumma, portiere del Milan (Photo Federico Tardito / Insidefoto)

Il portiere del Milan, Gigio Donnarumma, è intervenuto oggi nella speciale “Q&A” organizzata del Milan sulle sue stories di Instagram del Milan. L’estremo difensore rossonero ha risposto a diverse domande fatte dai tifosi, sulla sua carriera, ma non solo.

Chi è stato il tuo idolo?

«Il mio giocatore preferito è sempre stato Kakà, in camera mia avevo tutto di lui».

Come hai gestito la pressione dal giorno del tuo esordio fino a oggi?

«Fa parte anche del mio carattere, l’ho vissuta tranquillamente restando sempre umile e lavorando sempre al massimo».

La parata più bella di un portiere rossonero?

«La parata più bella che mi viene in mente è di Dida contro l’Ajax in Champions League, senza nulla togliere a due grandi campioni come Christian Abbiati e Seba Rossi».

La tua parata più difficile?

«La parata più difficile che ho fatto è su Maccarone in Milan-Empoli, sul tiro ravvicinato».

Qual è la tua routine pre gara?

«Un po’ di musica prima di arrivare a San Siro, qualche battuta col preparatore dei portieri, poi massima concentrazione quando si scende a fare riscaldamento».

Quale attaccante hai temuto di più prima della partita?

«Ho giocato contro grandi attaccanti, ma quello che ho temuto di più è ovviamente Cristiano Ronaldo».

Il tuo film preferito?

«Il mio film preferito da napoletano è Ricomincio da tre del grande Massimo Troisi».

Che obiettivi ti poni prima dell’inizio della stagione nuova?

«Il primo obiettivo è quello della società, che ci poniamo all’inizio della stagione. Poi, quello personale è di dare sempre il massimo e cercare di prendere meno gol possibile».

La tua prima gara da spettatore a San Siro?

«Milan-Livorno 2005/06, abbiamo vinto 2-0».

Canzone preferita?

«Non ho una mia preferita, ma ascolto spesso canzoni napoletane».

Canzone preferita?

«I colori rossoneri per me significano tanto perché son cresciuto qui, sono sempre stato tifoso del Milan e quindi non posso far altro che dare tutto me stesso per questa maglia».

L’emozione più grande al Milan?

«L’emozione più grande è stata la vittoria in Supercoppa, il mio primo trofeo, non lo dimenticherò mai».