Il logo della League One (Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

La EFL, English Football League, che rappresenta le tre divisioni al di sotto della Premier League, ha dichiarato che punta a completare la stagione in corso e ha creato un fondo da 50 milioni di sterline per aiutare i club dato l’impatto a livello economico del coronavirus.

La EFL, che rappresenta 72 club, ha dichiarato in un comunicato: “L’obiettivo principale, al fine di proteggere l’integrità della competizione, è quello di portare a termine con successo la stagione 2019/20, subordinatamente alla priorità assoluta in materia di salute e benessere”.

Ci sono state diverse proposte per accorciare o annullare la stagione, ma l’EFL ha dichiarato di essersi impegnata per trovare una soluzione che permetta di completare la stagione. Allo stesso tempo la lega non è stata in grado di stabilire una data per la ripresa dei campionati.

“L’EFL sta proseguendo il dialogo regolare con il governo e le autorità sanitarie competenti e, man mano che si conoscono ulteriori informazioni sulla portata e l’entità dell’epidemia, verrà presa una decisione sulla ripresa delle partite” si legge nel comunicato.

Inoltre è stato aggiunto che i dirigenti dell’EFL sono in continuo contatto con la Federcalcio inglese e la Premier League e le altre parti interessate per garantire un “approccio congiunto e collaborativo”.

L’EFL ha anche affermato che sarà istituito un fondo da 50 milioni di sterline per aiutare i club a gestire parte dell’impatto economico derivante della sospensione: “Devono essere messe in atto misure per aiutare immediatamente il flusso di cassa dei club attraverso un pacchetto di aiuti a breve termine da 50 milioni di sterline. Questo fondo deriva in parte dal pagamento anticipato del premio base ai club, mentre il resto è costituito da un prestito senza interessi disponibile per i club”.

PrecedenteTebas: «Obiettivo chiudere tutto entro il 30 giugno»
SuccessivoLeghe Europee, Colombo: «Coppe nel weekend un’eventualità»