Serie A ripresa allenamenti
(Photo by Marco Rosi/Getty Images)

In attesa di capire quando e se potrà ripartire la stagione, l’attenzione di club e calciatori si sposta sulla ripresa degli allenamenti. Una questione diventata motivo di scontro, con Lotito – patron della Lazio – favorevole alla ripartenza e la Federazione dei medici sportivi – sostenuta dall’a.d. dell’Inter Beppe Marotta – che spinge per aspettare.

Serie A ripresa allenamenti – Scontro tra Lotito e Marotta

Come spiega “La Gazzetta dello Sport”, secondo Lotito esistono le condizioni di sicurezza per tornare almeno ad allenarsi, e dello stesso parere è anche il Napoli: l’idea era quella di darsi appuntamento al centro sportivo già nei prossimi giorni.

Per sabato era fissato anche il ritrovo del Cagliari, per lunedì 23 quello di Lazio, Napoli e Milan: per i rossoneri la ripresa era già stata posticipata di una settimana ma con l’idea di aggiornarsi in base alle condizioni sanitarie generali.

L’altro fronte segue la linea raccomandata dalla Federazione dei medici per cui «è doveroso alla luce dell’attuale situazione di emergenza sanitaria raccomandare per le società professionistiche l’interruzione degli allenamenti collettivi almeno fino al 3 aprile».

Stessa posizione della Libera associazione medici italiani del calcio (Lamica) presieduta dall’ ex responsabile dello staff medico della Nazionale, il professor Castellacci, che «esprime tutto il proprio dissenso sull’ idea di alcuni club di iniziare gli allenamenti precocemente, addirittura prima del 3 aprile». Anche per Marotta il percorso da seguire è quello che porta al ritorno in campo solo all’inizio del prossimo mese.

Serie A ripresa allenamenti – Si va verso la pausa fino al 3 aprile

Dopo due ore di riunione sarebbe emersa una linea che l’assemblea dei club di venerdì trasformerà in disposizione ufficiale, votata dalla maggioranza: tutti in campo solo dal 4 aprile. Data che permetterebbe alle squadre oggi in isolamento di aggiungersi alle altre. Decisione che privilegia il principio di equità: gli allenamenti di squadra riprenderanno per tutti nello stesso giorno, per non creare disparità di condizione.

Vale per gli allenamenti di gruppo: allo stesso tempo infatti non è escluso che alcuni club ripartano con una preparazione personalizzata o in piccoli gruppetti (oggi gli atleti professionisti hanno la possibilità di allenarsi a porte chiuse rispettando la distanza di un metro). È nelle facoltà dei club, sotto la responsabilità dei rispettivi medici.